Autore:
Andrea Rapelli

SEMPRE PIACIUTA Oltre 450.000 esemplari in 6 anni di onorato servizio sono un gran risultato. Ecco perché la Nissan Note 2013, in mostra sul palcoscenico ginevrino dal 7 al 17 marzo, dovrà rimboccarsi le maniche per rivelarsi all'altezza della progenitrice.

NOTE DI MERITO Rispetto al passato più recente la Nissan Note 2013 pare aver fatto un deciso balzo in avanti già nell'estetica: una certa somiglianza con qualche avversaria del Sol Levante c'è, tuttavia le linee mosse e tormentate – riprese dalla Invitation Concept – creano qualcosa di piacevolmente dinamico all'occhio. Lo stesso accade all'interno, dove spiccano, oltre alla nuova plancia, la panchetta posteriore scorrevole e il piano di carico regolabile in altezza.

MILLER Sotto il cofano (e sulla piattaforma V, la stessa della Micra, opportunamente settata per le strade europee) la Nissan Note 2013 offre tre alternative, due a benzina e una a gasolio. Per quanto riguarda le prime, si segnalano due 3 cilindri 1.2 da 80 (4,7 l/100 km e 110 Nm a 4.000 giri) e 98 cv (4,3 l/100 km e 142 Nm a 4.200 giri). Risultati che il più potente DIG-S raggiunge grazie all'iniezione diretta, il particolare sistema di sovralimentazione tramite compressore scollegabile a basse velocità e il ciclo Miller: le valvole di aspirazione restano aperte più a lungo e, complice un rapporto di espansione più elevato rispetto a quello di compressione, migliorano il rendimento. Il turbodiesel è invece il ben noto 1.5 dCi da 90 cv, per 3,6 l/100 km e 95 g/km.

SCUDATA Grande attenzione pure nella sicurezza: la Nissan Note 2013 potrà contare su una serie di dispositivi, riuniti nel pacchetto Safety Shield, normalmente appannaggio di classi superiori: parliamo di Around View Monitor, Blind Spot Warning, Lane Departure Warning e del Moving Object Detection che, grazie all'AVM di cui sopra, rileva eventuali oggetti o pedoni in avvicinamento in fase di manovra e avvisa il conducente con un segnale sonoro.

BELLA LAVANDERINA Per tenere pulita la telecamerina montata sul portellone, che serve tutti i sistemi del Safety Shield, in Nissan si sono inventati una roba da ispettore Gadget: particolari algoritmi riconoscono l'eventuale sporcizia sull'obiettivo. A quel punto, entra in azione un getto di liquido che lo lava, poi uno di aria ad alta pressione che l'asciuga. Semplice, no?


TAGS: nissan note 2013 ginevra Salone di Ginevra 2013, tutte le novità