Autore:
Andrea Rapelli

UN INVITO IN AVANTI Come sarà il futuro dell'automobile? Difficile rispondere ma per vedere cosa frulla nella testa dei vertici di Nissan, basta guardare Nissan Invitation Concept, visione futuristica di una berlina segmento B secondo il costruttore giapponese. Che punta ancora sulle piccole: la Invitation Concept, infatti, si posizionerà – non prima del 2013 – come trait d'union tra Micra e Juke. Direttamente dalla Casa arrivano nuove immagini e un video dopo il debutto al Salone di Ginevra.

PEPERINA? A giudicare dal frontale, ingrugnito e pepato, la Nissan Invitation Concept sembra essere tutto tranne che gentile nei modi e nelle emissioni. Le spalle larghe e le forme scolpite non fanno altro che rafforzare l'idea di sportività. Ciononostante, Nissan ha confermato di voler stare entro i 100 g/km di CO2 sul modello top di gamma, possibili grazie ad un'accurata profilatura della scocca, motori efficienti e piattaforma smilza (Pure Drive). Senza perdere di vista, giurano in Giappone, il piacere di guida.

SCUDO ATTIVO La Nissan Invitation potrà contare su un sacco di tecnologie a favore della sicurezza. Tutto parte dall'Around View Monitor: si tratta di una serie di telecamere per tenere sotto controllo il perimetro dell'auto, già presenti su buona parte della gamma Infiniti. Così la Nissan Invitation può sapere in qualunque momento se state viaggiando su strada aperta o in un parcheggio: nel secondo caso, qualora premiate erroneamente (o con troppa foga) il gas, i chip possono inibire il pedale destro, evitando un potenziale impatto. Nella messe di sistemi raggruppati nel Nissan Active Shield figura infine un radar anticollisione capace di monitorare il comportamento dei due veicoli che vi precedono.


TAGS: concept car nissan futuro compatta invitation Tutte le novità del Salone di Ginevra 2012, l'elenco aggiornato