Autore:
Lorenzo Centenari

ARMA FUTURA Ci ha tenuto sulle spine fino ad oggi, facendoci sgolosare al pc di fronte al contorno sfuggente di un misterioso modello ipertecnologico. Nissan ha tuttavia mantenuto la promessa, e al Salone di Tokyo ha stamane tolto i veli alla propria arma segreta. Si chiama IMx ed è una concept che prefigura un crossover ad alimentazione elettrica, ma soprattutto a guida completamente autonoma. Hai detto niente.

NOMEN, OMEN Sin dal nome, il prototipo IMx incarna come nessun altro esemplare fino ad ora l'essenza della filosofia Nissan Intelligent Mobility. Un bel giorno, non è dato sapere quando, dallo stadio di show car evolverà a quello di prodotto di serie. Per il momento, lo ammiriamo in forma statica e immaginiamo quali immense potenzialità si nascondano sotto le sue forme all'avanguardia. Già, perché l'IMx appartiene a quella famiglia di automobili che prima o poi ridefiniranno i principi della guida. Abbandonando il singolo concetto di vettura, per sfumare verso l'idea di mobilità integrata, di stretta interazione uomo-macchina-infrastrutture.

LAST GENERATION PROPILOT Nissan IMx adotta innanzitutto lo step più evoluto del ProPilot, il programma di guida senza conducente che a spizzichi e bocconi prende a salire a bordo della odierna gamma Nissan (vedi nuova Leaf). Il ProPilot di ultima generazione riproduce in realtà un'esperienza di guida autonoma "on demand": puoi scegliere di viaggiare come passeggero, e allora i comandi scompaiono all'interno della plancia (e i sedili si reclinano, per assicurare maggior comfort di viaggio). Oppure, puoi decidere di assumere il controllo della situazione, con volante e poltroncine che su richiesta tornano in posizione. Non vedete l'ora di provare di persona, vero? Beh, anche noi.

POTENZA E PERCORRENZA Quanto alla sfera dinamica, Nissan IMx nasce sulla piattaforma destinata a tutti i veicoli elettrici del Gruppo e si avvale di due motori a batterie, uno per ciascun assale. La potenza di sistema ammonta a 320 kW (circa 435 cv), la coppia raggiunge quota 700 Nm. Autonomia di percorrenza? Si parla di 600 km tra un pieno di energia e quello successivo.

CHE INTELLIGENZA Ma torniamo alle proprietà "cerebrali" dell'ultramoderno crossover Nissan. L'IMx stabilisce un rapporto privilegiato non solo col proprietario, ma anche con l'ambiente circostante. Sarà ad esempio in grado di individuare autonomamente il parcheggio, e un apposito totem di ricarica (attraverso il quale restituire anche energia alla rete), dopo avervi scaricato all'area partenze di un aeroporto. Per poi puntualmente aspettarvi agli arrivi al vostro atterraggio, con le batterie cariche e l'indirizzo di casa già in memoria. Potere dell'intelligenza artificiale e della tecnologia vehicle-to-grid.

ARTE MODERNA Nissan IMx è infine anche raffinato esercizio di arte contemporanea. Mentre gli esterni esprimono potenza e dinamismo, l'abitacolo è all'insegna di apertura ed accoglienza. Da fuori si apprezzano la classica griglia "V motion" al frontale, le fiancate sfaccettate come la superficie di un diamante, un arco del tetto filante e rastremato. E una coda tronca ma armoniosa, leggermente a sbalzo. Ogni dettaglio di stile è coerente e concatenato col successivo. 

AMBIENTE HI-TECH E se la carrozzeria lascia di per sé a bocca aperta, all'interno il senso di stupore è persino superiore. Un quadro strumenti OLED trasparente corre per tutta la larghezza del cockpit, mentre il rivestimento inferiore in legno prosegue lungo tutta la fiancata. I quattro sedili sono scolpiti da una macchina a taglio laser, con gli avvolgenti poggiatesta a ricordare il disegno di un tipico puzzle giapponese. Gli strumenti? Oltre alla cloche aeronautica, quasi niente. Il guidatore imprimerà i comandi al sistema attraverso gesti manuali e movimenti oculari. Benvenuti nel futuro.


TAGS: nissan crossover auto elettrica guida autonoma salone di tokyo 2017 nissan imx concept