Autore:
Andrea Rapelli

MAZZINGA COLPISCE ANCORA Sarà il segmento, sarà l'insaziabile sete di prestazioni, fatto sta che l'evoluzione della Nissan GT-R 2013 non ha la minima intenzione di fermarsi: per l'occasione, i tecnici hanno dato una riguardata generale a motore e assetto. Con piccole – ma significativemigliorie.

ESPERIENZA NÜRBURGRING Gran parte del lavoro, fanno sapere dal Giappone, è stato messo a punto durante la 24h del Nürburgring 2012, dove hanno girato due Nissan GT-R 2013 in versione prototipo. Lì, tra i teutonici saliscendi, analizzando attentamente la telemetria (e non solo), i tecnici si sono appuntati due o tre cosette, che hanno poi prontamente realizzato una volta tornati a casa.

2,7 (SECONDI) Oggetto delle attenzioni, in prima battuta, sono state le valvole Wastegate dei due turbo, riviste nel funzionamento. Poi si è passati a iniettori più evoluti, che consentono un maggior controllo del carburante pompato nei cilindri e infine è stata adottata una coppa dell'olio di diverso disegno, capace di mantenere più stabile la pressione del lubrificante e ridurre gli attriti, soprattutto quando il gioco si fa duro. Il tutto per prestazioni davvero mozzafiato: la Nissan GT-R 2013, forte di 550 cv scaricati a terra sulle quattro ruote, raggiunge i 100 km/h da ferma in soli 2,7 secondi. Per intenderci, la GT-R 2012 si fermava a 2,8. Merito del risultato va ascritto pure al lavoro di fino sulla trasmissione, rinforzata.

TELAIO EXTRA-STRONG Già che c'erano, i progettisti hanno dato uno sguardo pure al reparto telaio-sospensioni della Nissan GT-R 2013: il primo ha guadagnato rinforzi alla paratia sotto al cruscotto mentre le seconde conquistano nuovi ammortizzatori e molle, senza dimenticare la barra antirollio anteriore irrigidita, che dovrebbe assicurare una migliore stabilità ad alta velocità.


TAGS: nissan gt-r 2013