Autore:
Andrea Rapelli

WORLD CAR Visto e considerato il periodo di ristrettezze, molti costruttori stanno creando versioni europee di automobili piccole e semplici, prodotte in tutt'altra parte del globo, per soddisfare i bisogni primari di mobilità. Un lampante esempio è la Mitsubishi Mirage 2013, costruita in Thailandia, che debutterà all'imminente Salone di Parigi.

UNO SGUARDO UN PO' COSI' Inevitabile, viste le origini, che il look della Mitsubishi Mirage 2013 tradisca un filo la provenienza asiatica: il frontale, dagli occhi quasi a mandorla, ha sguardo sornione e zero guizzi. Così come il resto della carrozzeria, che, comunque, ha una sua personalità, strizzata in misure da vera citycar (lunghezza di 3,71 metri e larghezza di 1,66).

PRONTA PER NOI Naturalmente, tutte le Mitsubishi Mirage 2013 destinate a districarsi fra le viuzze delle nostre città saranno specificatamente modellate per le esigenze degli automobilisti europei, fanno sapere dal Giappone. Spinta da un tricilindrico 1.0 MIVEC da circa 70 CV accoppiato ad un cambio manuale a 5 marce, la piccola Mitsu – secondo i dati dichiarati – emette, nel misto, 92 g/km di CO2. Il sistema Start&Stop (AS&G), il Cx pari a 0,27 e il peso contenuto in soli 845 kg, poi, contribuiranno a tener bassi i consumi.


TAGS: mitsubishi mirage 2013 Tutte le novità del Salone di Parigi 2012