Autore:
Gilberto Milano

RAY-D D'AGOSTO La quadratura del cerchio è fatta, almeno in Casa Mini. Dopo la Mini Ray 1.4 benzina, che per prima ha introdotto con successo il concetto di low cost anche tra le Mini (loro lo chiamano molto più elegantemente "essential chic") arriva l'attesissima versione con la D maiuscola.

DI TUTTO, DI PIU' Minimalista quanto basta per non scivolare nel campo del vorrei-ma-non-posso, la nuova Mini Ray D si propone come un'altra alternativa intelligente e politicamente corretta del modello anglo-tedesco. Identica in tutto e per tutto alla versione benzina è dotata di ABS, DSC, airbag laterali anteriori e per la testa e il torace, aria condizionata, servosterzo elettrico, filtro antiparticolato di serie, sistema Start/Stop automatico, indicatore cambio marcia, break energy re generation per il recupero di energia in frenata. Di nuovo ha "solo" il diesel 1.6 con turbocompressore e iniezione diretta common rail da 90cv (a 4000 giri) sotto il cofano.

DIESEL CHIC Un diesel questo sì di lusso, con una coppia massima di 215 Nm fin dai 1750 giri, più che sufficiente a garantire un divertimento di guida sopra le righe (accelera infatti da 0 a 100 km/h in 11,5 secondi e raggiunge una velocità massima di 182 km/h) ma in grado di offrire anche un consumo medio di 3,9 litri/100 km. Che tradotto in economichese significa percorrere in media oltre 25 km con un litro di gasolio: cifre da scooterone. Ridottissime anche le emissioni di CO2, che si fermano a 104 grammi/km, il minor livello in assoluto tra i motori di potenza simile. Il cambio è manuale a sei velocità.

DI TRE COLORI Identico alla Mini Ray benzina anche il ventaglio dei colori: la Ray D è infatti proposta in tre diversi colori di carrozzeria (Dark Silver, Midnight Black e Pepper White) e sei diversi colori tra calotte degli specchietti retrovisori esterni e le placche delle frecce laterali (Alien Green, Lemon Yellow, Flash White, Energy Pink, Vitamin Orange, Shocking Blue). I copricerchi Dark Silver completano la personalizzazione.

DELITE La MINI Ray D sarà in vendita a partire da settembre 2009 al prezzo speciale di 18.400 euro presso i concessionari che aderiscono all'iniziativa, incentivi alla rottamazione esclusi. Oppure a 16.900 euro con incentivi. Anche per la Ray D è disponibile il pacchetto di allestimento Delite (700 euro) che comprende cerchi in lega leggera Star Spooler da 15", volante in pelle a due razze, computer di bordo e fari fendinebbia.

ABBEY ROAD & TRIGGER D Sempre da settembre lo stesso motore 1.6 Diesel da 90cv sarà disponibile anche sulle versioni Mini Abbey Road D e MINI Trigger D, identiche in tutto alle rispettive versioni benzina (vedi). Per le Abbey Road D e Trigger D il prezzo chiavi in mano partirà da 21.950 euro.


TAGS: mini ray d