Autore:
Marco Rocca

E’ LA MIA VOLTA? L’avevamo vista sotto forma di concept circa un anno fa, più recentemente l’acquolina in bocca è salita con qualche foto criptica e ora finalmente ci siamo, la Mini ha alzato il velo sulla nuova Clubman 2016.

BASTA MEZZE PORTE La prima grande novità balza subito agli occhi. E’ scomparsa la mezza porta posteriore, al posto della quale sono arrivati due veri sportelli, tanto che, insieme alle due porticine del bagagliaio, fanno 6 accessi. Un approccio quindi più tradizionale, che, se da un lato sacrifica parte del fascino del modello precedente, dall’altro dovrebbe garantire un’abitabilità decisamente superiore rispetto al passato.

PIU’ VENTISEI Visto che parliamo di abitabilità, sarebbe cosa buona e giusta disquisire anche sulle dimensioni, bagagliaio compreso. La Mini però, ancora non si è sbottonata a riguardo. L’ipotesa più plausibile è quella che da paraurti a paraurti la nuova Clubman ricalchi le misure della concept ovvero, 4 metri 25 centimetri, per 1 metro e 80 di larghezza, il che vuol dire un plus di ben 29 centimetri in lunghezza a tutto vantaggio dello spazio nel vano bagagli, che passa da 260 a 360 litri (in configurazione a cinque posti) con il salto generazionale. 

QUELLI DI FAMIGLIA La gamma motori prevede, in fase di lancio, il tre cilindri 1.5 turbobenzina da 136 cv per la Clubman Cooper, il quattro cilindri 2.0 da 192 cv per la Cooper S e un 2.0 turbo da 150 cv per la Cooper D. Tutti abbinati a un cambio manuale a 6 marce o, a richiesta, all'automatico Steptronic da 6 o 8 rapporti. 


TAGS: mini auto novita clubman