Autore:
Emanuele Colombo

A CACCIA DI VERSATILITÀ Di certo la configurazione 2+2 è uno degli ingredienti che più hanno contribuito alla versatilità e alla longevità della Porsche 911. Ora anche McLaren guarda in quella direzione. È stato lo stesso amministratore delegato della casa inglese, Mike Flewitt, ad aprirsi sul tema, a margine del salone di Shanghai 2017: “Posso immaginare una quattro posti, ma non una quattro porte”, ha dichiarato ad Auto Express, fugando il dubbio che in cantiere ci sia una berlina ispirata alla Panamera.

PASSO LUNGO “Potrebbe essere una Sport Series oppure una Ultimate Series”, ha detto Flewitt, “vedremo se è ciò che vuole il mercato e se avrebbe ancora le caratteristiche di guida che ci si aspetta dalle nostre auto – servirebbe un passo leggermente più lungo che farebbe perdere un pizzico di agilità”. Su una cosa Flewitt si dice certo: McLaren non costruirà mai un SUV, ma su una GT più sfruttabile, che fosse ancora riconoscibile come una vera McLaren, perché no?


TAGS: intervista mclaren 2+2 mike flewitt salone di shanghai 2017 mclaren sport series mclaren ultimate series