Autore:
Paolo Sardi

SPECCHIO DELLE MIE BRAME... Tra le auto che sfilano sulla passerella del Ces 2016 di Las Vegas, sta dilagando una moda: quella di rinunciare agli specchi retrovisori e di adottare al loro posto delle telecamere. Questa scelta offre due evidenti vantaggi: migliora l'aerodinamica e riduce il peso, due cose che stanno particolarmente a cuore nel caso di supercar come la McLaren 675LT JVCKenwood, che in Nevada suggella i 25 anni di collaborazione tra la Casa di Woking e JVCKenwood. La McLaren 675LT JVCKenwood impiega tre telecamere, due posizionate lateralmente e una in coda, sopra la targa. Le immagini raccolte sono poi elaborate e ricomposte in un unico visore, il Digital Rear View Monitor, posto laddove normalmente si troverebbe il retrovisore interno. Un'altra chicca tecnologica è l'head up display, che qui non si limita a integrare la strumentazione ma la rimpiazza in toto.

ALL BLACK A rendere unica la McLaren 675LT JVCKenwood è poi la livrea Onyx Black, solcata da strisce color argento e perfettamente abbinata ai cerchi neri. Anche l'abitacolo è sulla stessa lunghezza d'onda, con arredi scuri in cui si alternano carbonio, pelle e tessuto tecnico, mentre a movimentare la scena provvedono inserti grigi e arancioni. Last but not least, una menzione va fatta al volante e ai sedili, di estrazione pistaiola.


TAGS: ces las vegas 2016 ces 2016 McLaren 675LT JVCKenwood jvc kenwood camera telecamera mirror specchietto digital rear view monitor