Autore:
Andrea Rapelli

PLASMATA DALLA PISTA Lo spunto è stato offerto dalle 12C pronto corsa per le categorie GT3 e Can Am. Il palcoscenico, poi, è di quelli che contano: si tratta del Festival Of Speed di Goodwood 2013. La McLaren 12C GT Sprint, insomma, non può sfigurare. E i dati tecnici sono una conferma.

STESSO CUORE, PIU RESISTENZA Se sotto il cofano della McLaren 12C GT Sprint strepita lo stesso V8 biturbo da 625 cv della sorella normale, è tutto il resto ad essere stato adeguato per sopportare lo stress da circuito. La carrozzeria conquista inediti paraurti, cofani e più generose prese d'aria mentre l'assetto si abbassa di 24 mm e i freni, per offrire un'ottima resistenza alla fatica, sono carboceramici.

PIT-STOP DA CORSA Oltre alle tarature specifiche di ProActive Chassis Control e Brake Steer, la McLaren 12C GT Sprint regala al trackdaysta più incallito numerose altre golosità. A cominciare dai cerchi OZ monodado da 19” con 4 morbide ma grippanti Pirelli slick. Senza dimenticare, all'interno, rollbar omologato FIA, impianto antincendio, sedili a guscio con cinture a 6 punti e attacco per il collare Hans. Il tutto per un peso, a secco, pari a soli 1.272 kg. C'è di che divertirsi...


TAGS: supercar mclaren 12c sprint