Autore:
Paolo Sardi

SE LO MERITA Fosse un'altra spiderina ad appuntarsi sul petto come una medaglia l'appellativo Cult qualcuno potrebbe storcere il naso ma se a farlo è la Mazda MX-5 la questione cambia. Dopo oltre vent'anni di onorato servizione e dopo essere stata venduta ai quantro angoli del pianeta in oltre 1.200.000 pezzi (che le valgono il titolo indiscusso di roadster più venduta di sempre) la due posti giapponese si può permettere questo e altro.

UNO PER TUTTE La Mazda MX-5 Cult è una serie speciale a tiratura limitata di 100 pezzi per il mercato italiano, declinata nelle due varianti Roadster o Roadster Coupé. Nel primo caso la carrozzeria può essere grigia o nera, con interni in pelle e capote color tabacco; nel secondo l'unica tinta prevista è il blu, anche per il tetto, e con l'interno sempre tabacco. Sotto il lungo cofano c'è sempre il motore 1.8 da 126 cv, mentre, per quanto riguarda la dotazione, la Cult si presenta decisamente ricca. Oltre ai rivestimenti in pelle sono infatti standard, tra le altre cose, i cerchi da 17", i fendinebbia, il climatizzatore, lo stereo con prese Usb e Aux, il navigatore con schermo da 5,8 pollici e il cruise control. Quanto ai prezzi, la Mazda MX-5 Cult Roadster viene 25.750 euro e la Roadster Coupé 27.750 euro. Per chi cerca emozioni ancora più forti nella guida, in listino resta comunque sempre anche la 2.0 Sport, con 160 cv, differenziale a slittamento limitato e assetto sportivo, utili per sfruttare al meglio l'ottimale bilanciamento 50:50 e il baricentro rasoterra della MX-5.


TAGS: mazda mx-5 cult Mazda MX-5 25th Anniversary Movie