Autore:
Paolo Sardi

DA SOGNO A REALTA' Ancora una volta, come nei gialli più classici, l'assassino torna sul luogo del delitto. A tre anni dalla presentazione del primo prototipo, l'Alfa Romeo sceglie di nuovo la passerella di Ginevra per svelare la versione definitiva della nuova Brera, che arriverà sulle strade verso la fine dell'anno. E guardando le prime immagini bisogna dare atto all'Alfa Romeo di non aver tradito le aspettattive dei fedelissimi del Biscione, lasciando praticamente immutato il disegno originario.

TOCCO INCONFONDIBILE Frutto della matita di Giugiaro, la Brera ha una linea che maschera bene i notevoli ingombri. Lunga 4,413 mm, larga 1.830 e alta 1.372 ha tutte le carte in regola per essere una 2+2 vera e propria, grintosa sì ma con quel po' di praticità che non guasta mai. Nel frontale svetta l'immancabile scudetto a listelli cromati, punta di diamante del motivo a V che solca il cofano motore. Altro gene dominante nel Dna Alfa Romeo sono i fari, formati sia nel frontale sia nella coda da una sequenza di elementi circolari di diametro che cresce man mano che si va dal centro verso l'esterno.

IL CIELO IN UNA COUPE' Da qualsiasi lato la si guardi la Brera ha i numeri per lasciare a bocca aperta. Le grandi prese d'aria anteriori, la nervatura che segna il girovita e la coda ben tornita con i grandi terminali di scarico sono il succoso antipasto al piatto forte rappresentato dal padiglione. Questo prende forma da montanti ben raccordati ai parafanghi, culmina in un suggestivo tetto panoramico in vetro per poi spiovere verso un lunotto pentagonale, da anni un must per le due volumi di Arese.

UNA E TRINA Sportiva nella linea e sportiva anche sull'asfalto. La Brera è annunciata in tre allestimenti e con tre motori, due a benzina (2.2 JTS da 185 CV e 3.2 JTS da 260 CV) e uno turbodiesel (2.4 JTD da 200 CV) abbinati a un cambio manuale a sei marce o a un automatico. Per alcune versioni si parla di trazione integrale Alfa Q4 mentre a fare da denominatore comune ci sono sospensioni anteriori a quadrilatero alto e posteriori multilink. In attesa di vedere gli interni e di conoscere altri dettagli, cominciate intanto ad osservarla in grande e, magari, a scaricarla come sfondo sul vostro computer.


GUARDALA DA VICINO





Cliccate con il tasto destro sulla foto che vi interessa, quindi scegliete "Imposta come sfondo" e automaticamente l'immagine diventerà il vostro nuovo wallpaper.

TAGS: Tutte le auto Euro5