Autore:
Luca Cereda

TEMPI MODERNI Ispezionare le foto fino all’ultimo pixel servirà a poco: nel look della Lamborghini Huracán 2016, nulla di significativo è cambiato. La vera novità è nascosta sottopelle, dove il potente V10 accoglie la tecnologia Cylinder on Demand del Gruppo imparando, così, a tenere sopiti metà dei suoi cilindri quando non serve. Risultato: i consumi si ridimensionano (parola grossa, per un V10 aspirato) e le emissioni di CO2 scendono a 283 g/km. Incredibile ma vero: anche le Lambo, oggi, hanno di questi pensieri.

5 IN PANCHINA In fondo si tratta semplicemente di essere più efficienti. Quando non il piede non chiama birra, la centralina del V10 disattiva 5 dei suoi 10 cilindri, che tornano però in funzione a pieno organico non appena il conducente accelera. Il tutto senza che questi si accorga di nulla. Oltre alla tecnologia di disattivazione dei cilindri, la Lamborghini Huracán 2016 mette sul piatto una trazione integrale più a punto nel setting “Strada” e un leggero upgrade degli interni, con il rivestimento in pelle per le maniglie delle porte e per la parte superiore della console centrale. Le bocchette dell’aria, ora, sono verniciate in nero opaco.

NO INFLAZIONE Questo vale per le Huracán di serie, ma ci sono anche le Huracán Ad Personam, con interni su misura in n base ai gusti personali. Nel programma Ad Personam, Lamborghini ha ampliato la gamma degli optional aggiungendo l’impianto audio Sensonum, lo scarico sportivo Lamborghini (anche con terminale nero brillante) e la nuova illuminazione a LED nel vano motore, che può essere abbinata ad altri optional come cofano trasparente e il vano motore in fibra di carbonio. Al netto degli sfizi, la Huracán non è più cara di prima: il prezzo base resta 169.500 euro (tasse scluse).

 


TAGS: Lamborghini Huracán my 2016 nuova lamborghini huracan LAMBORGHINI HURACÁN LP 610-4