Autore:
Paolo Sardi

CONTORNO PEPATO La Lamborghini Gallardo aggiunge un nuovo e avvincente capitolo alla sua lunga storia di sportiva Doc. L'ultima novità in ordine di tempo è rappresentata dalla versione LP 570-4 Blancpain Edition, che nello stand del Salone di Parigi farà da contorno al piatto forte del Toro, ovvero alla probabile accoppiata di novità di cui sinora si sono viste solo immagini di dettaglio.

LEGAME STRETTO La Blancpain Edition suggella il legame tra la Casa di Sant'Agata e la più antica maison di orologi di lusso del mondo (è nata nel 1735, come ricordano i loghi sparsi qua e là per la carrozzeria), che fa anche da sponsor principale al challenge Lamborghini, chiamato appunto Blancpain Super Trofeo. Questo, tra l'altro, non è l'unico impegno dell'atelier di Vallée de Joux nel mondo delle corse, visto che fa anche da cronometrista  nel Campionato FIA GT1.

ALI PER VOLARE Con questa versione confezionata sulla base della Superleggera chiunque (si fa sempre per dire...) può dunque sentirsi parte della serie monomarca più veloce del mondo, con una vettura di gusto racing ma omologata per circolare su strada e che non impone eccessivi sacrifici in materia di comfort. La Blancpain Edition sfoggia un'aria pistaiola grazie soprattutto all'enorme ala posteriore e allo speciale cofano motore con aperture simili alle branchie di uno squalo, utili a placare i bollenti spiriti del motore V10 5.2.

FILO CONDUTTORE La carrozzeria e l'abitacolo vedono fare da padrone assoluto il nero, che si sposa bene anche con i molti particolari in carbonio, come il diffusore posteriore e le coppe degli specchi retrovisori. Anche i cerchi Skorpius sono a loro volta scuri e fanno risaltare le pinze freno gialle che lavorano enormi dischi carboceramici. In molti elementi interni di dettaglio il giallo fa da filo conduttore e non solo per modo di dire, visto di questo colore sono anche le cuciture dei rivestimenti in Alcantara e i ricami delle scritte sulla plancia e sui sedili.

UNA FUCILATA Sotto il vestito, la Blancpain Edition non presenta differenze rispetto alla Superleggera, a parte i già citati freni che sono optional sulla versione "base". Sono quindi straconfermati il motore in configurazione da 570 cv e 540 Nm e le quattro ruote motrici, che completano in reparto trasmissione assieme al cambio robotizzato e.gear. In fatto di prestazioni vale la pena di ricordare che la Gallardo parte da fermo come una schiopppettata, toccando i 100 dopo 3,4 secondi e i 200 dopo 10,2, allungando poi fini ai 325 km/h.


TAGS: trofeo edition lamborghini gallardo superleggera 570 super blancpain Lamborghini Gallardo: bandiera a scacchi Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato