Autore:
Luca Pezzoni

ESCATOLOGICA Tanto spazio in poco spazio, come si fa? Si mantengono le misure standard di una compatta, intorno ai quattro metri, ma si allungano passo, linea di cintura e il tetto, tutto verso l'alto. Con parabrezza e pareti dritte, per non creare curve claustrofobiche e mangiaspazio. La Soul, prodotta in Corea e sviluppata negli States pensando ai tre continenti di riferimento (America, Europa e Asia), potrebbe portare al successo l'auto scatolosa. Sul genere Scion Xb o Daihatsu Materia, che in America e in Oriente funzionano ma da noi... non ancora. Su strada da Gennaio 2009.

URBAN CROSSOVER Ecco i dettagli di un modello che tra concept e proposte personalizzate bazzica nei Saloni dell'auto da quasi due anni. Che lo si voglia chiamare "urban crossover" o in altro modo porta una boccata d'aria fresca in un panorama di novità piuttosto conformista. Sarà commercializzata in Europa con due propulsori diesel e benzina di identica potenza, 126 cavalli, e cilindrata 1,6 litri. Imparentati strettamente con quelli della cee'd.

PARENTI COREANI Il motore a benzina si presenta tutto in alluminio, con effetti positivi sulla bilancia, mentre il diesel offre di serie il filtro antiparticolato (DPF) e punta sulla coppia subito pronta sotto il pedale. Accelerazione da 0 a 100 km/h in un tempo di poco superiore ai 10 secondi e consumi oscillanti - a seconda delle versioni - tra i 5,1 e i 6,6 litri per 100 km. Questione di gusti e di listino, vedremo al momento del lancio in Italia.

ALTOBASSO Mentre le emissioni di CO2 (137 e 159 g/km) potrebbero far desiderare di meglio, soprattutto in ottica di eventuali eco-incentivi prossimi venturi. Dovrebbero essere poi disponibili anche due opzioni ulteriori. Con il vertice alto occupato da un2 litri con 142 cavalli, mentre in basso ci sarebbe una versione depotenziata dello stesso diesel da 116 cavali. Non si escludono in futuro versioni ibride.

SPAZI LIBERI Ma, lontano dai motori, il valore della Soul deve essere cercato nella dotazione degli interni e negli spazi aperti che, secondo Kia, insieme alla particolare cura per materiali e finiture, offrono una sensazione di libertà nella vita di tutti i giorni. La dotazione di serie punta su sicurezza e udito. Ci sono sei airbag, freni a disco sulle quattro ruote e il controllo elettronico della stabilità per conciliare sicurezza attiva e passiva.

AUDIOSOUL Mentre sarà impossibile non scegliere e apprezzare la colonna sonora giusta in rapporto a viaggio e compagnia a bordo.L'opzione standard da 112 Watt prevede autoradio RDS lettore Cd/Mp3 e sei altoparlanti con tecnologia PowerBass. Per chi non si accontenta ci sono 315 Watt e si aggiungono anche speaker centrale nella plancia, sub-woofer nel bagagliaio e - attenzione all'effetto rapper in trasferta - il "Sound Sensitive Mood Lighting". Ovvero le luci lampeggianti interne in accordo con le note dei bassi.

CON IL NASTRO ROSA La nicchia di mercato della auto scatolose da noi è ancora incompresa, ma i tempi sembrano maturi. La Soul si presenta come un gradino intermedio tra i crossover e le auto normali, senza la trazione integrale ma con tanta personalità. Quanto piacerà? Secondo Kia molto ai giovani fuori e ai giovani "dentro": prevede di venderne 30.000 in Europa e 170.000 nel mondo. Un'alternativa alla solita compatta.

COME TU LA VUOI E le possibilità di personalizzazione - moderno passe-partout del marketing per convincere i clienti - potrebbero riservare sorprese. Come cerchi extralarge e interni in materiali pregiati, quasi da accarezzare. Sul modello delle tre versioni presentate a Ginevra 2007, per coprire tempo libero, ambienti mondani o chic ad oltranza. Una scatola con le ruote ben infiocchettata e possibilmente a prezzi accessibili. Di lì passerà (o meno) il successo della Soul.


TAGS: kia soul la versione definitiva Le novità auto del 2009, l'elenco aggiornato