Autore:
Paolo Sardi

D-DAY Dopo il debutto negli Stati Uniti, la Jeep Cherokee 2014 si appresta a varcare l’Oceano Atlantico per sbarcare in Europa. Il D-Day è in calendario ai primi di marzo, quando la macchina farà bella mostra di sé al Salone di Ginevra, prima di arrivare poi sulle strade del Vecchio Continente nel corso della primavera. Rispetto alla versione a stelle e strisce, le novità sono ben nascoste alla vista, mentre a livello estetico ci sono solo conferme. La galleria immagini è comunque nuova e c’è molta curiosità per vedere dal vivo una linea che sinora ha diviso un po’ gli appassionati, con la sua reinterpretazione delle classiche linee del marchio.

LA PROVA DEL NOVE La gamma motori per l’Europa della Jeep Cherokee 2014 ha come candidato best-seller un due litri turbodiesel, declinato in versione da 140 e 170 cv. Nel primo caso a fargli da spalla c’è un cambio manuale a sei marce mentre nel secondo il Multijet II è abbinato a un raffinato automatico a nove rapporti. Quest’ultimo è il partner anche del 3.2 V6 Pentastar a benzinada 275 cv che completa l’offerta. Tre sono pure i livelli di allestimento annunciati: quello base si chiama Longitude, quello lussuoso è per tradizione il Limited e c’è infine il Trailhawk, pensato invece per chi considera il fuoristrada una scelta e non un fatto accidentale. Tra le dotazioni, una menzione va d’obbligo all’accoppiata di schermi che fanno da fiore all’occhiello agli esemplari più ricchi: uno TFT da 7 pollici in mezzo agli strumenti e uno da 8,4 in mezzo al mobiletto centrale per il sistema d'infotainment UConnect.

L’IMBARAZZO DELLA SCELTA Dal punto di vista delle trasmissioni, la Jeep Cherokee 2014 propone un assortimento capace di soddisfare le esigenze di chiunque, con ben quattro varianti: trazione anteriore, integrale Active Drive I (la centralina gestisce la coppia in automatico), Active Drive II (con tanto di riduttore) e Active Drive Lock (che mette sul piatto anche il bloccaggio del differenziale posteriore, per superare senza affanno i passaggi più delicati). Su tutte le Cherokee 4x4 è poi presente il dispositivo Selec-Terrain, che permette al pilota di selezionare il tipo di terreno su cui sta viaggiando per settare in un colpo solo tutta l’elettronica di bordo così da avere il rendimento migliore.


TAGS: Salone di Ginevra 2014: tutte le novità