Autore:
Luca Pezzoni

CLASSICA ARMONIA La XK, anche in versione scoperta, non è certo una di quelle sportive aggressive all'eccesso o tutte nandrolone. Il design, già oggetto di discussione in occasione della presentazione della Coupé, è moderno e classico al tempo stesso, con una silhouette slanciata, quasi a sigaro allungato. Uno stile che non indulge troppo alle mode del momento e che, pur non distinguendosi per particolare originalità, attualizza invece molte citazioni tipicamente Jaguar. Chi l'ha disegnata dice che l'idea era quella di creare un'auto che potesse durare almeno dieci anni, non che facesse innamorare subito per poi, altrettanto rapidamente, stancare.

GOD SAVE THE QUEEN

La sensazione è che anche la rinnovata XK Convertible si appresti a diventare un classico, grazie a linee armoniche, a un cofano allungato, un naso importante e il parabrezza schiacciato verso il basso. Di lato, rispetto alla sorellina con il tetto rigido, guadagna un profilo ancora più pulito. Quasi come se fosse stata progettata prima in versione cabrio. Difficile dire se ripeterà i fasti dello straordinario modello precedente, tuttavia il gioco di rimandi ai bolidi della storia Jaguar non mancherà di stuzzicare gli occhi più esperti.

DISTINTA E SPORTIVA

E anche i tocchi sportivi, come la bocca ovale e aggressiva, le branchie sui fianchi, o i doppi scarichi posteriori separati che la rendono più grintosa, non intaccano un immagine distinta e apprezzabile. La nuova auto scoperta di Coventry, acquattata su bei cerchi a razze sdoppiate di dimensioni importanti punta su fascino ed eleganza sportiva, ma con discrezione.

OLD STYLE - HI TECH L'abitacolo

, e non poteva essere altrimenti, non delude le aspettative e presenta, nel classico stile inglese, un bel mix di radica, pelle e materiali pregiati. Qui sì con qualche concessione alla moda del momento, come il pulsante d'avviamento sulla plancia e alla modernità, vedi il grande display touch screen per governare le funzioni di bordo già visto sulla coupé. E questo è un bel punto a favore della scoperta inglese, perché alle comodità della tecnologia nessuno vuole più rinunciare.

LIGHT

Telaio e pelle d'alluminio hanno consentito di contenere il peso in 1700 kg, non poco in assoluto ma molto buono considerando le misure dell'auto (vicine ai 5 metri). E, comunque, uno dei più magri della categoria. Ma con una rigidità strutturale da record, per assicurare sensazioni di guida consone alla casa del giaguaro ed evitando scricchiolii indesiderati. E anche la capote in tela a triplo strato, coerentemente con la ricerca della leggerezza, aiuta a mantenere salvo il gusto della guida. Per non parlare del commovente tonneau cover d'alluminio che la ricopre una volta aperta.

WAY OF LIFE

Nonostante le frequenti spruzzatine d'acqua, in Inghilterra la guida all'aperto rappresenta una vera e propria "way of life". L'altra fissazione sono le sportive "leggere" e "reattive", anche se magari ci si deve andare semplicemente a comprare il golfino da Harrod's. E la XK sembra rispettare i dettami della perfetta cabriolet inglese.

FELINA

La XK, infatti, è una Jaguar. E nonostante il look raffinato non è solo un auto da parata o pensata per farsi vedere nei lungomare più esclusivi. La convertible è veloce e svelta in tutto. La capote si scopre in 18 secondi, elettricamente, per mettersi al riparo anche da improvvisi scrosci d'acqua. Solo 6.3 secondi sono necessari per raggiungere i 100 km/h partendo da fermo. Mentre 250 km/h di velocità massima sono sempre garanzia di un bel viaggiare. Ben 8 sono i cilindri, disposti a V, del propulsore da 4.2 litri, nascosto sotto il lungo cofano dove galoppano 300 cavalli, resi ancora più vispi dal "fisichino" prestante ma leggero della XK....

SICURA

Va bene la tradizione, va bene la leggerezza ma in Jaguar non si sono dimenticati di prestare attenzione anche alla sicurezza, dotando la XK con tetto in tela di un sistema antiribaltamento con due rollbar in alluminio opportunamente mimetizzati, e che escono allo scoperto solo in caso d'urto. Tale sistema si aggiunge alla già ricca, ancorché non confermata nei dettagli, dotazione di serie. In ordine sparso gomme antiforatura, i vari cuscini salvavita, ESP, cruise control intelligente, chiave elettronica e chi più ne ha più ne metta.

JAGUAR'S CASTLE

In Jaguar, forse perché sanno di avere dei clienti esigenti e appassionati, ci tengono a informare che la produzione della XK avviene con la massima cura e nel rispetto del più rigoroso "Made in England". Per chi volesse verificare con mano non resta che andare al Jaguar's Castle di Bromwich, nel West Midlands dove la nuova Convertible verrà costruita.

TAGS: jaguar xk convertible 2006