Autore:
Andrea Rapelli

W LA BENZA Checché ne dicano i fautori dell'elettrico, il motore a benzina ha ancora molte carte da giocare. La dimostrazione è Infiniti VC-T, il primo motore al mondo in grado di variare il rapporto di compressione. Per migliorare le prestazioni - ottimizzando la combustione - e diminuire i consumi.

MODIFICA LA CORSA Semplificando, si può dire che il rapporto di compressione è il rapporto tra lo spazio massimo e quello minimo che i gas occupano all’interno del cilindro. Per variare questo valore, il quattro cilindri turbo a iniezione diretta di benzina Infiniti VC-T modifica semplicemente la corsa dei pistoni. Così, si può andare da un rapporto di compressione che privilegia la potenza (8,1;1) a quello che invece salvaguarda i consumi e l'efficienza (14:1). Il tutto è gestito da un cervellone elettronico, che agisce silenziosamente in base allo stile di guida del pilota.

FUNZIONA COSÌ In condizioni normali, il valore di compressione è elevato, per risparmiare carburante e migliorare l'efficienza. Quando il guidatore chiede la massima potenza (o innesta uno specifico rapporto del cambio) un braccio varia la rotazione dell'albero a gomiti, modificando così la corsa dei pistoni. I tecnici Infiniti, inoltre, fanno sapere che non ci sarà traccia di vibrazioni: il lavoro del VC-T sarà fruttuoso quanto silenzioso. Il Salone di Parigi 2016, dove l'Infiniti VC-T debutterà, chiarirà ogni altro dubbio tecnico.

 

 


TAGS: infiniti vc-t rapporto compressione variabile