Autore:
Luca Cereda

JET LAG Con un frontale ridisegnato e importanti novità, soprattutto sotto il cofano, si appresta a debuttare in Europa (dopo la prima assoluta in nordamerica) la Infiniti Q70 2015, berlina di lusso in salsa jap che si propone come alternativa alle solite note tedesche. In Italia non prima di dicembre, sarà proposta in due motorizzazioni: l’ibrida top di gamma e una variante turbodiesel che monta motore Mercedes.

BIRRA DELLA STELLA Fanaleria a led, un maggior comfort garantito da un molleggio rivisto e da un isolamento acustico migliorato, insieme ai cerchi da 18” di serie e un upgrade tecnologico che abbraccia l’Around View Monitor (nuovo l’impianto di telecamere) così come il sistema di infotainment (capace di dialogare con tutti gli smartphone) e il climatizzatore, completano il rinnovamento della Infiniti Q70 2015. Che però il piatto forte lo serve sotto il cofano, con un inedito (per la Q70) 2.2 turbodiesel da 160 cv e 400 Nm di coppia massima (disponibile tra i 1400 e i 2800 giri/min) pronto ad accontentare la platea del Vecchio Continente.

QUI IBRIDO In alternativa c’è sempre la Q70 ibrida, con un 3.5 V6 abbinato all’elettrico. Anche questa versione si aggiorna grazie a un nuovo software di gestione che aumenta l’autonomia di percorrenza in modalità elettrica e prolunga il funzionamento della modalità “sailing”, attivabile una volta raggiunta la velocità di crociera con disaccoppiamento del motore dalla trasmissione.


TAGS: salone di parigi 2014 infiniti q70