Autore:
Davide Varenna

QUADRO COMPLETO Il bel teaser pubblicato settimana scorsa mostrava già chiaramente le linee della nuova piccola di Casa Hyundai, ma solo dopo queste foto si ha un quadro completo di ciò che ci aspetterà al prossimo Salone di Parigi, in programma dal 2 al 17 ottobre. Sigla e design rimandano subito alla sorella ix35, ma metro alla mano tutto cambia: la ix20 è infatti una MPV dalle dimensioni ben più ridotte, pronta a fronteggiare la cuginetta Kia Venga (da cui deriva) e le svariate rivali del segmento B.

FATTORE X La confusione data dalla sigla, con quella "x" che sembrava essere destinata alle nuove crossover della Casa, è stata presto risolta dalla stessa Hyundai: la "x" sarà utilizzata per battezzare sia crossover e SUV, sia le future monovolume. Le auto a trazione integrale saranno invece ben riconoscibili grazie all'adozione del numero 5, proprio come avvenuto sulla recente ix35.

EUROPEA Dopo la ix35, questa piccola multispazio è la seconda Hyundai concepita nel Centro tedesco di Rüsselsheim, nel cuore della Germania. Prosegue così, senza tante variazioni, il 'fluidic sculpture', nuovo linguaggio stilistico della Casa Coreana che utilizza volumi ben marcati e linee tese per trasmettere un forte senso di fluidità e dinamismo.

DOLCE E GRINTOSA Rispetto alla sorellona i volumi sono ora più compatti, ma il trattamento delle superfici sembra trasmettere ancora bene quel senso di movimento tanto voluto dai designer Hyundai. Se da un lato mostra i muscoli per accontentare il pubblico maschile, dall'altro la grande calandra esagonale (un po' troppo simile a quella della Ford Ka) e i fari dal disegno morbido donano alla piccola coreana uno sguardo molto simpatico, che non lascerà indifferente il gentil sesso.

L'ALTRA FACCIA Se nell'anteriore prevalgono le linee dolci e smussate, dietro un po' la storia cambia, complici soprattutto i grandi fari orizzontali dal design più squadrato e spigoloso. E' proprio nei gruppi ottici che si ritrova il primo indizio della derivazione dalla piccola Kia, con il profilo inferiore che scende verso il passaruota proprio come nella Venga.

DÉJÀ VU Per avere una conferma della consanguineità delle due baby MPV basta poi soffermarsi sulla vista laterale. La grande nervatura che corre a livello delle maniglie riprende fedelmente quella della Kia, così come il profilo dei vetri e il disegno dei passaruota. Nonostante il copia e incolla, la fiancata si adatta però bene allo stile della vettura, coniugando le linee tese volute dal nuovo codice stilistico Hyundai ad alcuni dettagli che ne ammorbidiscono la forma.

RAFFINATA Non era difficile immaginare che alcuni dettagli svelati dal primo teaser sarebbero facilmente rimasti sulla carta, ed ecco così che nel modello definitivo non si ritrovano più la griglia anteriore dal motivo irregolare né tantomeno i fascinosi cerchi oversize. Per rimanere al passo con la moda delle piccole sciccose (vedi 500, DS3 e MINI), la ix20 non si è però negata alcuni dettagli di grande raffinatezza, come l'articolata architettura dei fari anteriori e gli indicatori di direzione integrati negli specchi retrovisori.

BEN DOTATA I prezzi non sono ancora stati ufficializzati, ma le prime indiscrezioni parlano di una cifra che si aggirerà intorno ai 15.000 euro, con una dotazione di serie che comprenderà climatizzatore, ESP, Bluetooth, sistema Stop&Start, e airbag laterali e per la testa. Stando alle stesse indiscrezioni, la ix20 sarà disponibile con due propulsori benzina (un 1.4 da 90Cv ed un 1.6 da 126 CV) ed un diesel 1.4 CRDi da 90 CV, ma bisognerà aspettare qualche giorno per averne la conferma ufficiale.


TAGS: hyundai casa fari cosi grande ben cambia dettagli kia linee piccola crossover ix35 teaser ix20 senso tese trasmettere Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato