Autore:
Paolo Sardi

PING PONG Chi si ferma è perduto. Neanche stessero dando vita a una partita di ping pong, le Case impegnate nel segmento delle Suv compatte sfornano da qualche tempo a questa parte novità a raffica, dando vita a un vivace botta-e-risposta. Molte protagoniste della hit parade sono state sfornate di fresco e anche al prossimo Salone di Parigi non mancheranno le debuttanti di grido. A contendere i riflettori alla già annunciata Land Rover Freelander ci sarà infatti anche nuova Honda CR-V.

CUGINA D'AMERICA In questo caso, tra l'altro, "nuova" meriterebbe di essere scritto con la N maiuscola, visto che del modello attuale resta davvero poco. La CR-V 2007 mostra casomai una certa familiarità con la Acura RDX venduta negli Stati Uniti, anche se da qui a parlare di somiglianze ce ne passa. Ad accomunarle è soprattutto la distribuzione dei volumi, conseguenza della medesima impostazione meccanica e telaistica.

A MUSO DURO Stando alle piccole immagini che girano nella rete, da un punto di vista estetico, la parte più personale della nuova CR-V è il frontale, che vede un'ampia presa d'aria aprirsi tra la mascherina e il paraurti a vita bassa. Il cofano gira alto, come se si fosse un po' ritirato a seguito di un lavaggio azzardato. Il colpo d'occhio così ottenuto è originale e grintoso, con la parte inferiore massiccia e corazzata, pronta per sopportare eventuali scappatelle fuori dai nastri asfaltati.

A TUTTO TONDO Se i fari hanno un disegno spigoloso, i finestrini hanno invece tutti gli angoli arrotondati, così come leggermente bombata è la forma del portellone. Quest'ultimo si allunga molto verso il paraurti e appare largo e regolare, due caratteristiche che dovrebbero agevolare non poco le operazioni di carico. Un bel contributo in tal senso viene dalle luci, che si fanno in disparte, sistemandosi in verticale un po' come sulla Volvo XC 90.

A FINE ANNO In attesa che un comunicato ufficiale sveli ulteriori dettagli, le indiscrezioni dicono che la nuova CR-V arrivare sul mercato a cavallo del 2007. Scontata la conferma dell'eccellente turbodiesel 2.2 i-CTDi, resta da vedere cosa accadrà sul fronte benzina. A fare da comune denominatore dovrebbe esserci un sistema di trazione integrale permanente.


TAGS: honda cr-v 2007