Autore:
Paolo Sardi

SCUSATE L'ANTICIPO Giocare d'anticipo sta diventando un'abitudine in casa Ford. Dopo il recente caso della C-Max e della Focus, svelate molto prima del loro arrivo sul mercato, tocca ora al nuovo pick-up Ranger sfilare sotto i riflettori in veste definitiva, circa un anno prima del suo arrivo sul mercato. Il debutto avviene infatti in questi giorni al Salone di Sydney, in Australia, ma le tre catene di montaggio previste (una in Thailandia, una in Sudafrica e una in Argentina) inizieranno a sfornare gli esemplari non prima della prossima estate. Per vedere un Ranger2012 in Italia bisogna quindi mettere in preventivo un annetto d'attesa.

SPALLE GROSSE Lo stile del Ford Ranger 2012 si allontana da quello della gamma di macchine dell'Ovale blu. Questo pick-up, destinato a essere venduto in 180 mercati (ma non negli Stati Uniti e in Canada), parla infatti una lingua diversa dal kinetic design. A parte i passaruota spallatissimi, la carrozzeria è un tripudio di linee tese e tagli geometrici. La mascherina, in particolare, sembra un trilama Gillette, mentre l'abitacolo, secondo la stessa Ford, s'ispira vagamente agli utensili Dewalt e agli orologi Casio G-Shock. Similitudini a parte, le immagini parlano di un mobiletto centrale massiccio e di un ambiente spazioso, in cui, a detta dei tecnici, cresce anche l'abitabilità posteriore.

VIAGGIO NELLO SPAZIO Qua e là si notano numerosi vani portaoggetti, che, a seconda degli allestimenti possono arrivare fino a 20. Molto pratico pare sia il cassetto in plancia, in grado di accogliere anche un computer portatile. La capacità di carico che più interessa, però, è quella del cassone. Nel caso del Frod Ranger 2012 a doppia cabina, il piano di carico è lungo 1.549 mm e largo 1.560 mm (1139 tra i passaruota); l'altezza delle sponde è di 511 mm, mentre la ribaltina lascia libera un'apertura di 1.330 mm. Il volume utile è di 1,21 metri cubi.

AMPIA SCELTA Il Ford Ranger 2012 sarà proposto in quattro varianti di carrozzeria, con schemi di trazione 4x2 e 4x4. L'eventuale trazione integrale sarà inseribile tramite un tasto sulla plancia e per superare i passaggi più impegnativi il pilota potrà contare anche sulle marce ridotte. Tre sono invece i motori previsti, abbinabili a cambi a sei marce, automatico o manuale. Accanto a un 2.5 a benzina, spiccano due turbodiesel Duratorq TDCi: il primo è un quattro cilindri 2.2 da 150 cv e 375 Nm e il secondo è un cinque cilindri 3.2 da 200 cv e  470 Nm.

HIGH-TECH Quanto alle dotazioni, quelle di serie sono ancora tutte da definire. Si sa però già che tra i fiori all'occhiello del Ford Ranger 2012 ci saranno sistemi di controllo adattivo del carico e di antisbandamento del rimorchio, l'Esp e la telecamera posteriore di assistenza al parcheggio. Non mancherà infine anche un sistema d'infotainment a comandi vocali.


TAGS: ford 4x4 tdci 4x2 duratorq ranger limited 2012 xlt wildtrack