Autore:
Luca Cereda

CI VUOLE PAZIENZA In attesa della nuova Fiat 500 vera e propria, che non si svelerà prima della fine del 2019 o addirittura a inizio 2020, il cinquino si concede un restyling negli States, dove a partire dalla primavera 2018 si metterà in vetrina con qualche novità.

SOLO TURBO A livello stilistico, poca roba. La Fiat 500 2018 americana si riconosce per una fascia in tinta con la carrozzeria sugli allestimenti Pop e Lounge e altri piccoli dettagli tra cui un badge Turbo, che in realtà la dice lunga su quale sia il cambiamento più consistente per gli yankee che amano le supermini: la 500 sarà offerta in America solo con motori turbo (con l'eccezione della 500e, ovviamente).

PIU' CV Come base si parte da un 1.4 Multiar da 135 cv 150 Nm, abbinato a un cambio a 5 o a 6 marce. L'upgrade porta con sé una taratura delle sospensioni più sportiva e una maggiorazione dei freni, ma il cinquino a stelle e strisce guadagna anche la telecamera di parcheggio e i cerchi da 16''. E, in versione Abarth, monta ora un 1.4 Multiair da 160 cv e 250 Nm.

NEL FUTURO Spingendosi più in là nel tempo ci sarà molta più sostanza. Fiat, infatti, sta preparando la strada per il lancio di una nuova generazione della Fiat 500, attesa nel giro di due anni. Sarà con ogni probabilità ibrida, ma non plug-in. Il numero uno di Fiat Sergio Marchionne, che ha più volte ribadito l'importanza delle piccole come Panda e 500 per il futuro di FCA, ha allontanato quest'ipotesi ma non ha affatto escluso soluzioni transitorie.

IBRIDA MILD ADDIO DIESEL La più indicata – e più adatta ai modelli piccoli ed economici – è il mild hybrid con impianto da 48 volt. Una soluzione che FCA sta già implementando sulla gamma Jeep e che gli addetti ai lavori danno pronosticano anche per la nuova Cinquecento. Di conseguenza, dovrebbe essere 'scaricato' il 1.3 Multijet. Lo stesso Marchionne parlò così tempo fa alla stampa inglese (AutoExpress): “I piccoli diesel sono morti”, dichiarando invece gli ibridi “inevitabili”.

CRESCIUTA Quanto alle dimensioni, è probabile che la diventerà un po' più grande e capiente (sulla scia della migliore concorrenza). Ci si attende un passo allungato, per ospitare i passeggeri posteriori, e la tanto auspicata versione a 5 porte. Con conseguente di stretching per il pianale FCA small, sul quale dovrebbe essere costruita la nuova Fiat 500 2019.


TAGS: nuova fiat 500 fiat 500 2018 nuova fiat 500 2019 nuova 500 2019 fiat 500 2020 nuova 500 2018 fiat 500 restyling 2018 500 abarth 2019 fiat 500 del futuro nuova fiat 2019 fiat 500 negli usa