Autore:
Luca Cereda

IN DUE PAROLE Ferrari California T HS, alias Handling Speciale. Il nome dice tutto o quasi: a Maranello hanno varato un nuovo pacchetto tecnico che rende la Ferrari col V8 turbo più piacevole da strapazzare.

SOTTO LA LENTE Per riconoscerla serve l’occhio clinico; il nuovo look si riduce a una griglia color Grigio Ferro Met, lo stesso dell’estrattore, derive nere opaco come i codini di scarico e, all’interno, una targhetta dedicata. Finito qui. Ma una volta messo il manettino in Sport, la musica cambia. In tutti i sensi.

LIRICA Già, perché, tra le altre cose, la Ferrari California T HS ha un nuovo scarico caratterizzato da due primari e una geometria di silenziatore studiata per ottenere un sound sempre progressivo con i giri motore. Un’iniezione di cattiveria, insomma, che va di pari passo con un adeguamento del software di controllo di motore e cambio per risposte più pronte, e una diverso timbro del V8, ora – dicono a Maranello- più pieno e intenso lungo tutto l’arco d’utilizzo del motore.

BRIGLIE SCIOLTE L’Handling Speciale, poi, implica una serie di nuove calibrazioni che spaziano dagli innesti del cambio (più rapidi, sia in scalata sia in downshift) alle molle (irrigidite davanti e dietro) passando per le sospensioni a controllo magnetoreologico. Chiude il cerchio l’F1-Trac, il correttore di sbandata abbinato al controllo di trazione. Anche questo rivisto per rendere la California T più reattività in fase di accelerazione e in uscita di curva.


TAGS: salone di ginevra 2016 Ferrari California T HS ferrari california t handling speciale