Autore:
Andrea Rapelli

LOGAN ADDIO Su alcuni mercati si scrive Logan, ma in Italia si legge Sandero: sul palcoscenico ginevrino fa bella mostra di sé la Dacia Sandero Wagon, versione familiare della entry level rumena. Che punta tutto su spazio e praticità, of course.

POSTERIORE IMPORTANTE In effetti, che i designer abbiano tenuto in gran considerazione l'aspetto praticità si vede, soprattutto nella coda, dove la Dacia Sandero Wagon ingrassa un bel po'. Frontale e fiancata, invece, ricalcano i tratti già visti nella gamma Dacia. Completano il quadro le barre portatutto e le modanature in plastica sulle porte.

PEZZO FORTE In una lunghezza di 4,49 metri (43 centimetri in più rispetto alla sorellina) la Dacia Sandero Wagon offre un bagagliaio che, in configurazione 5 posti, può contenere ben 573 litri di valigie. Se il dato sulla capacità massima non è stato diffuso, sappiate però che si può far affidamento sullo schienale posteriore abbattibile, anche separatamente. Di rilievo anche la dotazione: oltre all'ESP, sempre di serie, ci saranno due tipi di sistemi multimediali. Il Plug&Radio offrirà radio cd/mp3, presa usb e Bluetooth mentre il Media Nav aggiungerà il navigatore touch.

NESSUNA NUOVA, BUONA NUOVA Invariata la gamma motori della Dacia Sandero Wagon, in comune con la berlina: la famiglia dei benzina comprende il classico 1.2 da 75 cv (per alcuni paesi anche con GPL) e il fluido 1.0 TCe da 90 cv mentre il vessillo dei diesel è tenuto alto dal 1.5 dCi, in varianti da 75 e 90 cv


TAGS: wagon speciale ginevra sandero dacia Salone di Ginevra 2013, tutte le novità