Autore:
Luca Cereda

BELLEZZE AL LAGO “Save the date”, prendete nota del giorno: sabato 26 e domenica 27 maggio c’è il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2012. Come ogni anno, in riva al lago di Como sfileranno perle da collezione: auto d’epoca, concept car e – tradizione più recente- moto d’epoca. Un’occasione rara di vederle tutte insieme.

DOVE, QUANDO E QUANTO Sì, avete letto bene: quest’anno si comincia di sabato e la kermesse durerà in tutto due giorni, senza dimenticare la festa d’inaugurazione del venerdì sera. Lo scenario invece è sempre lo stesso: i lussuosi meandri della villa albergo di Villa d’Este e, a poca distanza, Villa Erba. La manifestazione è aperta al pubblico sia sabato sia domenica, ma si paga. I biglietti (acquistabili anche su ticketone.it) costando 8,50 euro (ridotto) e 10,50 euro (intero) il sabato, quando verrà consegnata la tradizionale Coppa d’Oro Villa d’Este e alcuni premi speciali riservati alle auto d’epoca. Per la domenica, giorno della consueta parata e della premiazione delle concept-car, il prezzo sale: 10,50 ridotto, 15,50 intero. I bambini fino a 6 anni non pagano l’entrata in entrambe le giornate.

MATTINO IN SELLA E le moto? Sabato 26 mattina sfileranno per le strade di Cernobbio, domenica saranno presentate al pubblico e premiate dalla giuria (sempre in mattinata per non sovrapporsi alle auto). Le moto partecipanti al concorso saranno in tutto 30. Ben più nutrita, com’era prevedibile, la rappresentanza a quattro ruote, che conta 52 pezzi da collezione più 9 concept (alcune delle quali non marcianti).

PASSATO E FUTURO Bando alle ciance e fuori i nomi delle protagoniste, almeno quelli anticipati ad oggi dagli organizzatori. Tra le auto d’epoca in mostra figurano una Ferrari GTO berlinetta Scaglietti del 1962, un’Aston Martin DBR1 del 1959 e una Fiat Abarth 500 Zagato Coupé del 1957. Già completo è invece l’elenco delle concept: Ford Evos, Rimac Concept One, Rinspeed Dock+Go, Bertone Jaguar B99, Giugiaro Brivido, Pininfarina Cambiano, Lexus LF-LC e Alfa Romeo 4C Concept,  alle quali va ad aggiungersi, come special guest fuori concorso, la Bmw Turbo del 1972.

A RITMO DI ROCK A valutarle sarà una giuria di esperti, come al solito composta da grossi nomi del design automobilistico. Presieduti dal direttore del Centro Stile Fiat Lorenzo Ramaciotti, i giudici di quest’anno sono: Charles Lord March (organizzatore del Goodwood Festival of Speed), Patrick le Quément (ex responsabile design di Renault), Harm Lagaay (ex responsabile design di Ford, BMW e Porsche), Winston Goodfellow (giornalista e storico automobilistico), Hideo Kodama (designer), Stefano Pasini (scrittore), Nick Mason (membro fondatore e batterista del gruppo Rock Pink Floyd e appassionato pilota), Ian Cameron (design director di Rolls-Royce Motor Cars) e Martin Roth (direttore del Victorian & Albert Museum a Londra).