Autore:
Paolo Sardi

SALTO GENERAZIONALE In Citroën sono fatti così: i passetti brevi non sono nelle loro corde. Alla parola "evoluzione" preferiscono "rivoluzione", tanto da un punto di vista stilistico quanto sotto il profilo tecnico. C'è dunque poco da stupirsi del fatto che la nuova C4, che qui vediamo nei primi scatti ufficiali e che si potrà ammirare poi dal vivo al Salone di Parigi in autunno, non sembri nemmeno lontana pronipote di quella attuale.

A META' STRADA La linea non esce comunque più di tanto dal seminato e sembra il giusto incrocio tra le forme della piccola C3 e quelle della filante C5. Nella sua carrozzeria sono dunque presenti i tratti distintivi delle ultime Citroën, a partire dei baffi cromati che danno slancio allo stemma, per arrivare ai fari dalla forma elaborata, passando per la doppia cresta che si alza sul cofano. Il tutto è sviluppato attorno a una sagoma a due volumi che ha proporzioni molto equilibrate e misure appena cresciute rispetto al passato. Lunghezza e larghezza ammontano rispettivamente a 433 e 179 cm, con incrementi nell'ordine di 5 e 2 centimetri. Altri segni particolari sono le nervature che segnano la parte alta della fiancata e i sottoporta, che danno all'insieme un'aria atletica.

IN GUANTI BIANCHI Quanto all'interno, i vertici della Casa promettono un ambiente a cinque stelle, sulla stessa lunghezza d'onda di quello della C5. Le finiture si annunciano molto curate e la dotazione dovrebbe dare una mano a creare un ambiente piacevole, con accessori degni di auto di categoria superiore. L'esempio più eclatante viene della possibilità di avere sedili dotati di regolazione lombare elettrica e di funzione massaggio. Tra gli altri gadget qualificanti ci sono anche una presa di corrente 230V, i fari bixeno, i fendinebbia con modalità di svolta e uno stereo di tipo surround.

HIGH TECH Non mancano poi il monitoraggio dell'angolo morto e l'avviso di cambio involontario di corsia, segnalato da un fremito del sedile e da un lieve indurimento dello sterzo. Un'altra novità è l'eTouch, un sistema di chiamata d'emergenza e di localizzazione che dà un bel po' di sicurezza in più in caso d'incidente o di malore. La tecnologia non è però solo al servizio della sicurezza ma anche dell'ambiente sulla nuova C4. La macchina monta pneumatici Michelin con bassissima resistenza al rotolamento e un sistema Stop&Start di ultima generazione, definito addirittura microibrido e legato al turbodiesel HDi. Proprio i motori rappresenteranno l'anello di congiunzione con il modello attuale ma in materia di composizione della gamma si avranno più notizie quando si avvicinerà l'epoca della presentazione.


TAGS: restyling citroën c4 2011 citroen double chevron Tutte le auto in arrivo, l'elenco aggiornato Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato