Autore:
Paolo Sardi

DIRITTURA D’ARRIVO

La XTR, sigla dietro la quale si cela la C3 messa giù da battaglia, avrà un futuro. Anzi, a ben vedere, si potrebbe quasi dire che questa Citroën ha un presente piuttosto che un futuro. Entro primavera la si potrà infatti acquistare, gli unici dettagli ancora da definire (per altro non certo insignificanti…) sono i prezzi e l’esatta struttura della gamma, che comprenderà motori sia diesel sia a benzina.

FIANCHI LARGHI

La vettura è pressoché identica alla show car X-TRème vista a dicembre scorso a Bologna. Il principale elemento distintivo rispetto alle altre versioni restano i paraurti, i passaruota e i sottoporta maggiorati. La loro colorazione in nero opaco, ripresa pure dal frontale e dalla cornice dei finestrini, incattivisce un po’ la linea tutta curve. Guardando simili dettagli, è difficile non cullare, anche solo per un attimo, il sogno di viaggi avventurosi, lontano dal solito perimetro casa-ufficio-supermercato-scuola.

SUA ALTEZZA

Restando con i piedi per terra, con la XTR forse non si potrà fare del fuoristrada e nessuno (forse) ci attraverserà mai il Sahara, ma bollarla come una semplice pacchianata o come un’utilitaria taroccata sarebbe comunque sbagliato. Tra i suoi equipaggiamenti sembra confermata la presenza di un assetto rialzato di circa 3 cm, utile non solo per scalare i marciapiedi, e di un differenziale a slittamento limitato. Che non farà proprio lo stesso mestiere di una trazione integrale ma permette di togliersi d’impaccio nella maggioranza delle situazioni critiche.

ASSECONDA TUTTI

Niente di estremo, dunque, ma tanta praticità, come confermato anche da altri dettagli. Il tetto, apribile e in cristallo, è bordato da utili barre portatutto capaci di reggere fino a 60 kg. Queste permettono di trasportare all’aperto quel che non trova spazio nel bagagliaio, la cui capacità va da 279 a 1155 litri.

BIMBI A BORDO La XTR va comunque bene anche a chi non ha tempo o voglia di dedicarsi alla canoa o al windsurf. Per chi scorrazza in giro con la prole la Citroën ha realizzato per esempio il Child Pack, con tavolini negli schienali dei sedili anteriori, seconda presa di corrente 12V, specchietto supplementare e pulsante per bloccare le porte posteriori direttamente dalla plancia.


TAGS: citroën c3 xtr