Autore:
Paolo Sardi

RITORNO DI FIAMMA Dopo la prima storia d'amore tra Toyota e il gruppo PSA, da cui sono nate nel 2005 la Citroën C1, la Peugeot 107 e la Toyota Aygo, i due colossi stanno per avere un altro parto trigemellare di citycar. La prima a svelare la sua nuova piccola è stata la Casa del Leone, Toyota ha quindi ammiccato con un teaser e ora tocca alla Citroën C1 2014 chiamare a sé i riflettori.

TELA D'AUTORE Rispetto alla generazione uscente, la C1 2014 fa segnare un passo avanti importante dal punto di vista dello stile, con forme più muscolose e ricercate. Così come in passato, l'elemento più caratterizzante è il frontale, che punta nuovamente su due fari tondeggianti per dare un'aria scanzonata all'insieme, con due ulteriori listelli luminosi piazzati a mo' di soppracciglia. Tra gli altri segni particolari ci sono il lunotto/portellone in vetro, una tavolozza di otto colori originali e tre diverse tinte per l'eventuale tetto apribile elettrico in tela Airscape (sono possibili anche allestimenti bicolori). Quest'ultimo misura 80 cm x 76, mentre la carrozzeria è lunga 346 cm, larga 162 e alta 145.

DIAMO I NUMERI Continuando a dare i numeri, la capacità del bagagliaio della nuova Citroën C1 2014 oscilla tra i 196 e i 780 litri, mentre 7 sono i pollici dello schermo che può occupare il centro della plancia, dotato anche di funzione Mirror Screen, per riprodurre fedelmente la schermata del proprio smartphone. Quanto infine ai motori, la C1 punterà su due unità a benzina a tre cilindri, 1.0 VTi 68 cv, eventualmente abbinato anche a un cambio robotizzato, e 1.2 VTi 82 cv. Se il primo sarà la scelta di chi ha a cuore soprattutto il budget, il secondo sarà invece una tentazione per chi soffre di occasionali pruriti a piede destro, con uno 0-100 in soli 11 secondi, pur se con consumi ancora limitati (4,6 l/100 km).


TAGS: anteprima Salone di Ginevra 2014: tutte le novità