Autore:
Paolo Sardi

AVANTI TUTTA Con la barra del timone ben salda tra le mani, la Citroën continua a seguire la rotta tracciata dal punto di vista dello stile dalla C4. La dimostrazione di quanto la Casa creda in queste linee viene dalla C-SportLounge, una concept car che reciterà il ruolo della prima donna nello stand del double chevron al Salone di Francoforte.

TRUCCATA La C-SportLounge ha un notevole potere ipnotico e non solo per la sua veste giallo limone. Il frontale è levigato e grintosissimo, con un'ampia mascherina trapezoidale affiancata da due squarci verticali che sia aprono sotto i fari. Questi ultimi hanno una forma geometrica allungatissima, che acquista ancora maggior slancio per la presenza di un motivo in alluminio che, a mo' di eyeliner, dà continuità alla loro forma piegando poi vezzosamente all'insù all'altezza degli specchi retrivisori.

LAME ROTANTI Una finitura metallica caratterizza, oltre ai terminali di scarico, anche gli elementi che sottolineano il paraurti e la parte bassa della fiancata, simili a lame pronte a scattare fuori della carrozzeria come rostri. La linea di cintura è alta e disegna un curioso motivo a onda all'altezza della ruota posteriore. Con il padiglione che corre svelto verso la coda bombata per fissare il Cx a un ottimo 0,26, i finestrini e il lunotto sono ridotti all'osso ma a dare la giusta luminosità all'interno provvede il tetto, con vaste porzioni in cristallo.

IN BLOCCO L'abitacolo ha una configurazione 2+2, con l'accesso ai posti posteriori facilitato da due porticine supplementari che si aprono controvento. Il posto di guida si ispira alla cabina di un aereo, con la consolle centrale che avanza e arretra solidale al sedile per lasciare sempre i comandi a portata di mano del pilota. Così come sulla C4, una parte dei pulsanti è sistemata nella parte centrale fissa del volante, mentre dietro la corona si trovano le levette del cambio robotizzato.

SFERA DI CRITALLO Prevedere a questo punto quale sia il destino della C-SportLounge non è certo facile. Le sue forme consentono infatti molteplici sviluppi, tanto in chiave sportiva, quanto in senso più familiare. Ridimensionata negli eccessi da show car e con un padiglione più rialzato, questo prototipo potrebbe infatti prefigurare le linee ispiratrici della nuova Picasso, attesa in futuro a completamento della gamma C4.


TAGS: citroën c-sportlounge