Autore:
Marco Rocca

LA PRIMA VOLTA DELL’IBRIDO Si chiama Chrysler Pacifica la nuova monovolume del Gruppo FCA che raccoglie l’eredità della cara vecchia Town&Country, dai noi venduta come Lancia Voyager. Fin qui nulla di strano per essere al Salone dell’Auto di Detroit 2016 (Naias), se non fosse che l‘ultima arrivata inaugura la prima piattaforma ibrida del Gruppo FCA. Facciamo il punto.

CROCIERA IN INCOGNITO Il design della carrozzeria e degli interni si ispira a quello della Chrysler 200: addio spigoli, benvenute linee morbide e tondeggianti che mascherano alla perfezione i 5 metri e 17 centimetri fuori tutto della Pacifica. Costruita su un pianale del tutto inedito (studiato per offrire silenziosità e di rigidità strutturale) la nuova monovolume conta su 8 posti invece che 7 come il modello precedente. Il bagagliaio? Una piazza d’armi: fino a 3.978 litri reclinando i sedili in modo semplice e veloce grazie alla tecnologia Stow ‘N Go. Insomma, gli ingredienti per essere la perfetta auto da famiglia ci sono tutti, motori compresi.

ANCHE ALLA SPINA La scelta è tra due soluzioni. Un benzina 3.6 V6 Pentastar aspirato da 287 cavalli e 355 Nm di coppia o, come detto, l’ibrida con tecnologia plug-in (in foto quella celeste). Grazie alla nuova trasmissione EVT - progettata dallo stesso Gruppo FCA - anche il motore elettrico, normalmente utilizzato come generatore, è in grado di inviare coppia alle ruote. Secondo le prime informazioni l'autonomia in modalità zero emission sfiora i 50 km, con tempi di ricarica di circa due ore da una presa a 240 Volt, grazie allo sportello dedicato.

COME AL CINEMA Decisamente ghiotta la dotazione di serie che comprende il sistema d’ingresso senza chiavi, l’impianto multimediale Uconnect, oltre a un modernissimo quadro strumenti digitale. Ai più esigenti è dedicata una lista degli optional comprensiva di cerchi in lega da 20 pollici, di una gamma di dieci tinte per la carrozzeria e del sistema Uconnect Theater, che include due schermi da 10 pollici nei poggiatesta della prima fila, da abbinare - manco a dirlo - all’impianto audio ad alta fedeltà Harman Kardon da 20 altoparlanti.

ASPIRAPOLVERE COMPRESO NEL PREZZO Della lista degli optional fanno parte anche accessori come l'aspirapolvere integrato nel vano bagagli (Stow'n Vac), il tetto panoramico in tre sezioni, portiere e portellone elettrici e l'Active Noise Cancellation (ANC) che riduce i rumori di fondo in abitacolo. La domanda ora è: la Chrysler Pacifica arriverà anche in Europa? E se sì, con quale marchio? Probabilmente al Salone di Ginevra, prossimo venturo, ne sapremo di più. 


TAGS: monovolume detroit 2016 naias 2016 Chrysler Pacifica