Autore:
Luca cereda

CRAVATTA LARGA Chevrolet si prepara ad animare lo stand GM al prossimo salone di Parigi con quattro anteprime mondiali. Tra queste, la presenza più ingombrante sarà quella della Orlando, modello che sancisce l'esordio del Cravattino nel segmento europeo delle monovolume. Realizzata sulla base tecnica della Cruze, arriverà nelle concessionarie europee a partire dall'inizio del 2011 con una gamma motori che proporrà due versioni a gasolio e una a benzina.

IN DISCESA Esteticamente parlando, ciò che la contraddistingue maggiormente è l'andamento ascendere del tetto, il quale volontariamente ricalca il profilo dei moderni crossover. Il frontale è invece fatto con lo stampino di fabbrica e ripropone la griglia imponente - propria anche della nuova Captiva - sdoppiata dal classico cravattino Chevy. Dentro i passaruota, cerchi da 16 o da 17 pollici, a seconda dei gusti.

ORLANDO SPAZIOSO Degli interni niente foto, per ora, ma solo qualche anticipazione "a voce". Si parla di ampi spazi riservati a vani portaoggetti (compresi quelli dedicati ai dispositivi audio e dotati di presa USB) e di una disposizione dei sedili "a teatro" che consentirà multiple configurazioni, fino a un massimo di sette posti ricavabile dalla disposizione classica delle tre file. I posti disponibili vanno da cinque a sette, con la promessa di poter godere, anche a pieno "carico umano", di un discreto bagagliaio.

TRE PER DUE La Orlando verrà venduta in Europa con due  tipologie di allestimento. Di serie ha il controllo elettronico della stabilità, sei airbag, aria condizionata e specchietti elettrici. Le motorizzazioni disponibili saranno tre in tutto: un 1.8 benzina da 141 cavalli e due 2.0 diesel rispettivamente da 131 e 163 cavalli. I prezzi verranno svelati più avanti ma, come già successo con la Cruze, la Casa punterà forte sul rapporto qualità-prezzo.


TAGS: prossimamente chevrolet salone di parigi orlando Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato