Autore:
Luca Cereda

COMNIG SOON Ora anche i cartoni animati fanno proseliti nell’automotive. Guardate questa Chevrolet CODE 130R concept presentata ieri al NAIAS di Detroit e diteci se non vi ricorda qualcosa di già visto… al cinema.

ROSSO SAETTA Il muso leggermente bombato, quegli occhi un po’ sornioni, i parafanghi anteriori tirati all’insù come gli zigomi di una starlette attempata, e poi la linea di cintura alta e molto marcata, che stride con la testolina formata dal tettuccio, e ancora l’inconfondibile livrea rosso acceso. Insomma, se avesse anche gli occhi disegnati sul parabrezza e un sorrisone sulla calandra, oltre a un alettone posteriore, diremmo di aver incontrato Saetta McQueen, protagonista della serie di cartoon della Walt Disney “Cars”.

MODAIOLA Chevrolet non dichiara espressamente alcun riferimento al lungometraggio disneyano, né tantomeno al personaggio, ma presenta la Chevrolet CODE 130R concept come una show-car ispirata dagli input delle future generazioni di automobilisti. Infatti il suo futuro dopo il salone sarà in giro per il mondo ad animare gli eventi di lifestyle della Casa, compresi i contest nei College campus americani.

20.000 DOLLARI Premesso ciò, non è detto che da questa 2+2 Coupé a trazione posteriore con le ruote da 20’’ verniciate d’oro come le foglie d’alloro a Natale resti un mero esercizio di stile. La Casa non ha infatti escluso la possibilità che la Chevrolet CODE 130R possa essere prodotta in serie limitata e venduta a un prezzo che dovrebbe aggirarsi intorno ai 20.000 dollari. Anche perché questa concept presenta alcune soluzioni interessanti, soprattutto sottopelle.  

MOTORE PARCO Spinta da un 1.4 Eoctec turbo da 150 cv e 148 Nm di coppia, può contare sull’ausilio di una tecnologia denominata e-Assist, comprendente lo Stop&Start, il dispositivo di recupero di energia in frenata. Anche grazie a questi la Chevrolet CODE 130R riesce a limitare le economie di esercizio (si stima che i suoi consumi medi si aggirino intorno ai 17 km/l). E per il cambio offre una doppia opzione: si può scegliere tra un manuale a sei marce o un automatico a sei rapporti.


TAGS: SPECIALE - Detroit NAIAS 2012