Autore:
Gilberto Milano

DIETROLOGIE Chissà cosa c'è dietro, per quale recondito motivo la Casa di Monaco abbia privato i visitatori del Salone di Francoforte, chiuso solo sette giorni fa, del piacere di ammirare anche questa nuova creatura. Paura di passare per "sborona" proponendo la quarta anteprima mondiale dopo la nuova Serie 6, la concept X6 e la Serie 1 Coupé? O forse, il frutto perverso di una precisa strategia di comunicazione, perfettamente calcolata nei tempi in modo da continuare a mantenere alta l'attenzione sul marchio anche a Salone appena chiuso? Non si sa. Fatto sta che nell'ultimo weekend di settembre, a sorpresa, la Casa bavarese ha sfornato le prime immagini della quarta discendente della famiglia "1", dopo la 5 porte, la 3 porte e la Coupé.

UNA FOTOCOPIA Chi pensa però a un superlavoro del Centro Stile Bmw e del suo discusso capo Chris Bangle, questa volta dovrà ricredersi: la Serie 1 Cabrio è pressoché l'esatta riproduzione di una concept presentata quasi in sordina al Salone di Ginevra 2002, sistemata in un angolo poco in vista dello stand Bmw. Si chiamava CS1 e come già si diceva allora, avrebbe contenuto i geni della futura produzione Bmw.Confrontarla oggi fa una discreta impressione, vuoi per quanto fosse "vera" la concept di allora, probabilmente già approvata per quello che sarebbe diventata ben cinque dopo, e vuoi per la conferma di quanto gli stilisti dell'auto lavorino in anticipo sui tempi rispetto ai comuni mortali.

LO STILE DI CHRIS Della CS1 la Serie 1 Cabrio mantiene persino la linea di cintura orizzontale con i bordi all'infuori come quelli di una vasca da bagno, che allora aveva fatto arricciare il naso a molti osservatori. E' lo stile del discusso Chris Bangle nelle sue espressioni più forti, quelle segnate da lamiere nervose solcate da linee nette e insolite che lo hanno portato alla ribalta del design internazionale non senza critiche. Una Serie 1 a cui è stato tagliato di netto il tetto e adeguato il posteriore alle nuove esigenze senza modificarlo troppo rispetto a quello della Coupé.

BRILLANTE BRILLANTE Con la capote chiusa la Cabrio è ancora più piatta e sportiva della Coupé, con il vantaggio di potersi trasformare in 22 secondi in una elegante cabriolet per quattro persone (il comando è attivabile anche in movimento fino a 40km/h). Una linea che si addice di più alla filosofia della famiglia "1", destinata a una clientela più giovane e sportiva di quella tradizionale Bmw. In alternativa al classico nero o beige della capote, è disponibile anche una variante color antracite con effetto argentato: una novità nel campo, che grazie a un filo risplendente aggiunto nella trama del tessuto fa luccicare la capote quasi come un tetto in lamiera. Soprattutto con il sole.

GLUTEI AL FRESCO Come ogni scoperta che si rispetti, anche la 1 Cabrio dispone di rivestimenti in materiali di alta qualità e in pelli resistenti ai raggi del sole grazie a pigmenti speciali che riflettono i raggi infrarossi, in grado di non riscaldarsi troppo anche quando la si lascia aperta sul lungomare nei mesi estivi. Si parla di una differenza di temperatura di 20°C rispetto alle pelli normali: quanto basta per salire a bordo anche in costume evitando ustioni al fondo schiena. Per affrontare poi la guida sotto il sole senza capote e senza soffrire il caldo, la 1 Cabrio dispone di una funzione del climatizzatore che determina automaticamente l'intensità della ventilazione in funzione della temperatura esterna.

GIOCA A GOLF Chi inoltre la Cabrio la usa anche per i viaggi mordi e fuggi da week end, può contare su una capacità del bagagliaio di 260 litri, che non è molto, ma è sempre il massimo offerto dalle cabrio di questo segmento, secondo quanto dichiara la stessa Bmw. A capote montata i litri salgono a 305. C'è poi la possibilità (opzionale) di montare un apposito schienale che una volta ribaltato garantisce il trasporto di due golfbag full size. Senza dimenticare la possibilità di utilizzare un portapacchi ausiliario fissato in coda.

EFFICIENTDYNAMICS Tutte le Serie 1 Cabrio sono dotate degli ultimi ritrovati della tecnica bavarese a cominciare da quelli che rientrano nella strategia EfficientDynamics per ridurre consumi ed emissioni nocive, tra cui la funzione Start/Stop, l'indicatore di cambio marcia, il servosterzo elettrico e il recupero di energia frenante. Ampia anche la dotazione di sicurezza, compresi i roll-bar a scomparsa a fuoriuscita automatica e gli schienali dei sedili anteriori anticrash.

C'E' ANCHE SPORTIVA Quattro i motori a benzina, tra cui il sei cilindri di 3.0 litri Twin Turbo da 306cv, 400 Nm di coppia, 250 km/h e 5,6 sec nel 0-100 per la variante 135i, la più sportiva di tutte dotata di pacchetto aerodinamico M. Gli altri sono il sei cilindri di 3.0 litri da 218 cv della 125i, il quattro cilindri 2.0 da 170 cv della 120i e il 2.0 litri da 143cv della 118i. Gli amanti del gasolio possono contare invece nel 2.0 da 177cv e 350 Nm della 120d.


TAGS: bmw serie 1 cabrio