Autore:
Marco Rocca

DAL 1999 La safety car del prossimo campionato MotoGp 2015 sarà una BMW M4. In effetti non è una grossa novità per il costruttore tedesco che fornisce le proprie auto in veste di pace car (come vengono chiamate in Nordamerica) ormai dal 1999. Non tutti sanno però che, secondo l’ultimo accordo con la Dorna, l’ente che organizza la MotoGp, la BMW lo farà sino al 2020. Curiosità a parte, la vera, grande novità non è rappresentata dalla livrea dell’auto, quanto dalla tecnologia che porta con se. Mi spiego meglio.

COME FUNZIONA La BMW M4 MotoGP safety car funge da macchina laboratorio per una tecnologia che vuole incrementare le prestazioni del motore e, al tempo stesso, diminuire i consumi di carburante. Gli ingegneri tedeschi hanno messo mano al motore e precisamente all’aspirazione. In buona sostanza il segreto di questa nuova tecnologia sta nella vaporizzazione di acqua nei collettori di aspirazione. Gli iniettori ad acqua entrano in funzione quando l’aria proveniente dai turbocompressori si fa troppo calda, nonostante il classico passaggio attraverso l’intercooler. Così facendo si abbassa sensibilmente la temperatura dell’aria che entra in camera di combustione, permettendo un incremento di potenza. Le minori temperature di lavoro riducono inoltre la formazione di sostanze nocive, in particolare di ossidi di azoto.

MI FACCIA IL PIENO…DI ACQUA A portare l’acqua agli iniettori pensa una pompa collegata a un serbatoio supplementare da cinque litri, posizionato nel bagagliaio. Il tutto, manco a dirlo, è gestito dall'elettronica che governa il motore, che manda l'acqua agli iniettori con una pressione di 10 bar, regolandone, al tempo stesso, la portata istante per istante. Ma ogni quanto andrà rabboccato il serbatoio dell’acqua? Dalla BMW fanno sapere che nell’esercizio normale, su strada per intenderci, gli intervalli sono lunghi e dipendono anche dallo stile di guida. Nella guida autostradale, per esempio, è sufficiente riempire il serbatoio d’acqua solo alla quinta tappa dal benzinaio. In condizioni estreme, leggasi circuito, il rabbocco del serbatoio d’acqua deve essere fatto quando si fa il pieno di carburante. E a proposito di carburante, i tecnici BMW sostengono che più è basso il numero di ottani, più aumenta il potenziale della tecnologia. E, visto che la benzina a 98 ottani non è disponibile in tutto il mondo, l’iniezione d’acqua contribuisce a raggiungere comunque la massima potenza e i migliori consumi anche con la benzina 95 ottani .

PRESTO DI SERIE Se vi state chiedendo quanti cavalli abbia raggiunto il motore della M4 safety car dopo la cura ad acqua, ancora non è dato sapersi. Quello che è certo è che questa nuova tecnologia, a seconda del motore e della tipologia di auto in cui verrà installata, porterà vantaggi notevoli. Gli ingegneri dispongono dunque di un campo di applicazione relativamente ampio per decidere se ottimizzare il propulsore in direzione della potenza o dei consumi. Ma questo lo scopriremo solo vivendo. 


TAGS: bmw m4 coupe motogp safety car raffreddamento ad acqua intercooler Salone di Ginevra 2015, tutte le novità