Autore:
Emanuele Colombo

LA RINASCITA Bmw ci mette il cuore, Fisker il design e Wanxiang Group il nome, che diventerà Karma Automotive Revero. L'erede della bella quanto sfortunata berlina-sportiva-premium-elettrica-con-range-extender dovrebbe fare la sua prima apparizione in luglio o agosto, con l'elettronica di controllo e il sistema di ricarica forniti da Bmw. Ciò permetterà di stravolgere la meccanica lasciando intatto il design originale, ancora attualissimo.

IL PIANO La Karma originale costava 100 mila dollari ma sul prezzo e le consegne del nuovo modello l'azienda non si sbilancia perché: “Things happen in car development”, come dice Jim Taylor, capo del marketing della Karma ed ex General Motors. La vettura non sarà più prodotta in Finlandia ma in California e sul modello di distribuzione le opzioni ancora sul tavolo prevedono la vendita diretta, sullo stile di Tesla, oppure una rete di concessionari in franchising.

I TRASCORSI Ricordiamo che la Karma originale aveva portato al fallimento Fisker per problemi di affidabilità (non di meno risulta che l'80 per cento dei 1.950 primi acquirenti ne è ancora proprietario): un tracollo che ha causato perdite al Dipartimento per l'Energia americano per 139 milioni di dollari e di conseguenza ha messo in cattiva luce il programma per lo sviluppo delle tecnologie ecologiche dell'amministrazione Obama.


TAGS: bmw ibrida tesla karma fisker model s ev range extender