Autore:
Paolo Sardi

TRAVASO DI TECNOLOGIA L'ambiente sta a cuore a tutti ma la vocazione ecologica di un modello spesso non è sufficiente a farne un best-seller. Le eccezioni si contano sulle dita di una mano e, consapevoli di ciò, quelli della BMW hanno deciso per il 2011 di travasare la tecnologia verde della 320d EfficientDynamics Edition 4 porte sulla più richiesta carrozzeria Touring. Il risultato è una familiare campionessa nell'abbattimento di consumi e di emissioni nocive.

IN PUNTA DI MATITA La 320d Touring EfficientDynamics Edition fa quindi copia e incolla di tutti i dispositivi visti e provati sulla berlina (il link al test fatto nel marzo scorso si trova in fondo all'articolo). A livello estetico, gli interventi sono tanto efficaci quanto discreti, con la macchina che quasi non si riconosce da una Serie 3 Touring qualunque. Le prese di raffreddamento sono per esempio di tipo attivo e si chiudono in velocità per fendere meglio l'aria. I cerchi montano pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e hanno un disegno che limita i vortici. Il lieve abbassamento dell'assetto dà a sua volta una mano a far scendere il Cx a un valore di 0,275.

IL PENDOLO Gli interventi più importanti sono però quelli che riguardano la meccanica e meritano un veloce ripasso. L'asso nella manica del quattro cilindri turbodiesel, che è per larga parte costruito in alluminio, è un nuovo volano bimassa dotato di smorzatore delle vibrazioni a pendolo centrifugo. Questo dispositivo si occupa di far girare tondo il motore anche quando la 320d Touring EfficientDynamics Edition si trova a bassi regimi. E, se si guida a orecchio, la cosa accede piuttosto spesso, complice la scelta di rapporti più lunghi del normale, ma diventa addirittura la norma se si dà retta a quel che dice il Gear Shift Indicator, il suggeritore di cambiata inserito nella strumentazione.

BEVE POCO In questa configurazione il due litri a gasolio eroga 163 cv, contro il 184 della 320d vulgaris. Le prestazioni restano comunque di tutto rispetto, complice una coppia massima di 380 Nm a soli 1.750 giri. Lo scatto da 0 a 100 avviene in 8,3 secondi e la velocità massima è di ben 223 km/h. I dati più interessanti sono però in questo caso quelli relativi ai consumi e alle emissioni. La percorrenza media dichiarata è di 23,3 km/litro (in altre parole si parla di 4,3 l/100 km), mentre per la CO2 si è nell'ordine di 114 g/km. Questo dato è molto interessante per Paesi come Belgio, Francia e Olanda, visto che qui ci sono agevolazioni fiscali per le macchine che stanno sotto i 115 g.

FACCIAMO I CONTI All'epoca della prova della berlina, l'unica controindicazione di questa cura EfficientDynamics era apparsa una certa pigrizia nelle riprese. Se la Touring avrà ereditato anche questo difetto, oltre ai molti pregi, lo scopriremo verso primavera, quando la macchina arriverà sul mercato. Al momento non è stato comunicato il prezzo ma sapendo che la berlina costa 36.650 euro e che lo scarto abituale tra tre volumi e wagon è nell'ordine dei 1.500 euro non ci vuole molto a pronosticare per la 320d Touring EfficientDynamics un prezzo di poco superiore ai 38.000 euro. Il tutto con una dotazione quasi identica a quella delle versioni Eletta con standard, per esempio, il climatizzatore bizona, i fendinebbia e il volante multifunzione.


TAGS: turbodiesel dynamics efficient 163 cv eletta