Autore:
Gilberto Milano

PIATTO RICCO Dopo la nuova Porsche 911 e dopo la Ferrari 458 Italia, un’altra icona del lusso sportivo ha debuttato al Salone di Francoforte: la seconda generazione della Bentley Continental GTC, versione aperta della GT lanciata lo scorso anno, che va a sostituire la cabriolet che ha debuttato nel 2006. Un modello di grande successo commerciale che, come già successo con la Continental GT cambia completamente ma senza farlo vedere troppo, migliorando dove c’era da migliorare e puntando a una qualità senza compromessi.

IL MEGLIO E’ SOTTO IL VESTITO Rispetto alla prima serie l’immagine di insieme è ora più muscolosa e aggiornata, riprendendo pari pari i motivi che hanno caratterizzato il rinnovo della Continental GT, tra cui i gruppi ottici con luci diurne a Led, la griglia del radiatore a nido d’ape più verticale e un nuovo profilo posteriore a “doppio ferro di cavallo”, introdotto per la prima volta sull’ammiraglia Bentley Mulsanne. Un rinnovo all’insegna della sobrietà e dell’eleganza classica di questo modello le cui più grandi innovazioni risiedono invece nei particolari più nascosti allo sguardo offerto dalle prime immagini ufficiali diffuse dalla Casa. Più che nel look è infatti nei piccoli grandi particolari costruttivi che la nuova GTC andrà analizzata.  

ACUSTICA AL TOP Per esempio, la Bentley dichiara di aver adottato tecniche avanzate di produzione per la realizzazione dei parafanghi anteriori in alluminio, che ora non hanno avuto bisogno di cuciture o saldature. Oppure nella rinnovata qualità di lavorazione artigianale degli interni, ora ricoperti con pelli più morbide al tatto, con una gamma più ampia di inserti in legno o in metallo, fino alla migliore qualità dei tappetini a pelo lungo. La nuova Continental GTC offre ora di serie 17 colori differenti di pelle morbida, sei abbinamenti di colore e sette differenti tipi di radica. Migliorata anche la qualità della capote in tessuto multistrato confezionata su misura e accoppiata a un vetro posteriore acustico e a pannelli sotto la carrozzeria per un isolamento di qualità. La capote si apre e si chiude in 25'' e il suo meccanismo può essere azionato anche in movimento, a una velocità massima di 32 km/h.

PIU’ COMFORT Rispetto al primo modello migliora anche il comfort per le gambe dei passeggeri posteriori, grazie a un abitacolo più spazioso. E migliora il comfort nel suo insieme grazie a una serie di nuovi accessori e nuove funzionalità come un sistema infotainment da 30 GB con schermo touch-screen completo di un navigatore satellitare con calcolo dinamico dell’itinerario, inserimento di codici postali a 7 cifre e compatibilità con Google Maps (a seconda del Paese), oppure uno scalda collo progettato da Bentley per viaggiare a tetto scoperto con ogni tempo.

SPALLE LARGHE Come per la Continental GT, le carreggiate più larghe, lo sterzo più preciso e le sospensioni migliorate dovrebbero fornire anche una migliore qualità di guida. I cerchi da 20" sono ora di serie, e in più sono disponibili tre stili di cerchi da 21" optional. La trazione integrale ha una nuova suddivisione della coppia 40:60 a favore del retrotreno (rispetto alla suddivisione 50:50 della GTC originale) in modo da ridurre il sottosterzo durante le curve più impegnative.

BITURBO W12 Quanto alle prestazioni a fornirle è il biturbo W12 da 6 litri che vede la propria potenza crescere da 560 a 575 cv e la coppia raggiungere i 700 Nm dai 650 Nm precedenti. Funziona a bioetanolo E85, a benzina o con qualsiasi miscela dei due carburanti e in 4,8 secondi spinge la Continental GCT da 0 a 100 km/h. La velocità massima è di 314 km/h. Il cambio è un nuovo QuickShift che offre una selezione delle marce più rapida del 50%.

PREZZI La Bentley Continental GTC si può già ordinare e le prime consegne inizieranno a fine 2011. Il prezzo è di 170.060 euro, comprensivo di Iva al 20% ma non include la messa su strada.


TAGS: video bentley continental gtc tutto agosto in uno sguardo Salone di Francoforte 2011: l'elenco aggiornato