Autore:
Marco Rocca

QUALCUNO CI CREDE ANCORA In un periodo di quasi totale appiattimento emozionale per la auto, poche cose risvegliano i sensi degli appassionati, come la primavera fa con i fiori. Una di queste è di sicuro il Wörthersee, il famoso raduno austriaco sulle sponde dell'omonimo lago alpino della Carinzia che raduna le auto del Gruppo Volkswagen. Ogni anno è un tripudio di alettonazzi, scarichi aperti, cerchi ribassati e cavalli, tanti cavalli. Le partecipanti all’edizione 2015 (in programma dal 13 al 16 maggio) fanno già venire l’acquolina in bocca. E una, a mio modo di veder le cose, sarà la regina indiscussa della manifestazione: la Audi TT clubsport turbo concept.

TURBO ELETTRICO Le immagini parlano più di mille parole ma è ciò che non si vede a far davvero paura, come il motore, un 5 cilindri biturbo da 2.5 litri. Già, due turbo di cui uno elettrico. Chi ha buona memoria ricorderà che la Casa dei quattro Anelli stava già sviluppando questa tecnologia sui motori diesel. Ad ogni modo l’azionamento elettrico del primo turbo, che lavora ai bassi règimi, consente di avere una spinta immediata senza i “vuoti” di una comune sovralimentazione meccanica. Il secondo turbo, proprio perché tradizionale, è chiamato in causa quando i gas di scarico soffiano forte, cioè quando l’ago del contagiri punta verso la zona rossa.  

LE PRESTAZIONI In questo modo il motore sprigiona 600 cavalli e una coppia taurina di 650 Nm fra 3.000 e 7.000 giri. Questo vuol dire che, dando un’occhiata al cronometro, non passeranno più di 3,6 secondi per arrivare a 100 km/h da fermi. Audi dichiara anche un mostruoso dato di 310 km/h di velocità massima. Il tutto, ovviamente, è affidato alla trazione integrale quattro, mentre il cambio è un manuale a 6 marce. Poggiata su generosi cerchi in lega da 20 pollici con pneumatici 275/30, la TT clubsport frena mediante dischi in materiale composito da 370 mm di diametro.

FILOSOFIA DEI MUSCOLI Con la mitica 90 IMSA GTO nella testa (se non avete capito di cosa parlo consiglio vivamente di cercarla sul web), i tecnici hanno plasmato le linee della nuova belva. Così sono arrivati un grosso alettone in carbonio regolabile in coda (già utilizzato sulle vetture del campionato TT Cup), un paraurti anteriore con prese d'aria maggiorate e carreggiate allargate di ben 14 cm. Su strada incute timore. L'ampio uso della fibra di carbonio e la semplificazione degli interni, dove è installata una semigabbia di sicurezza in titanio, ha permesso di contenere la massa totale a 1.396 kg. A questo punto non c’è più nulla da aggiungere, il miracolo è compiuto.

VICINI ALLA PRODUZIONE Prima di concludere, però, è doveroso ricordare le parole di Ulrich Hackenberg, responsabile dello sviluppo: “l’azienda è prossima a introdurre un compressore elettrico su una vettura di serie con motore TDI”. Non avrà i 600 cavalli della clubsport ma la strada intrapresa di sicuro è quella buona. Chissà che le prossime sportive…