Autore:
Gilberto Milano

PIU' EQUILIBRATA Più compatta della gigantesca Q7, la Q5 sfrutta la piattaforma delle nuove Audi A4 e A5, pur mantenendo lo stile della sorella maggiore, con il muso alto ma meno invadente, la grigliona anteriore che mette soggezione, i due fari allungati con la ciglia in led che caratterizza i fari delle nuove Audi, le prese d'aria ampie con integrati i fendinebbia e le spalle muscolose ma non così palestrate come quelle della Q7.

GENTILONA Anche la fiancata è più equilibrata, più proporzionata nei volumi e ovviamente più gentile viste le misure più compatte. Oltre che più elegante, con la linea di cintura alta che accenna a salire verso la coda portando quello slancio che manca alla Q7. Idem nel posteriore, tondo e ben tornito, ingentilito da due fari che si estendono trasversalmente che terminano a punta verso l'interno per rendere meno pesante il lato B. 

QUOTE ROSA Una Q7 in scala ridotta, insomma, più leziosa della primogentia, ma sicuramente meno arrogante della gigantesca Q7. Una Suv meno invadente, più a misura di città, più amichevole e che propio per questo strizza l'occhio, e forse anche tutti e due, alla clientela femminile. Quella intimorita e in soggezione davanti alla Q7 e che nella Q5 potrebbe trovare l'auto ideale per viaggiare nel lusso e nella sicurezza senza sensi di colpa. La Q5 ha infatti tutto per piacere alle donne e con lei l'Audi spera di aumentare la propria quota rosa, finora in percentuali da Parlamento italiano essendo il marchio tedesco apprezzato quasi esclusivamente (per l'85%) dagli ometti.

CITTADINA Non che sia compattissima la Q5: con 4,63 metri di lunghezza supera di 20cm la cugina Tiguan e di sei centimetri la rivale più accreditata, la Bmw X3. La larghezza è di 1,88 m senza tener conto degli specchietti retrovisori con i quali arriverebbe a 2,01 metri, mentre l'altezza è di 1,65 m: 3cm in meno della Tiguan e due della X3. Misure umane, quindi, cittadine, facili da gestire anche per chi non è a proprio agio con gli ingombri.

TOP CLASS Nemmeno sul comfort a bordo dovrebbero esserci dubbi: con 2,81m di passo, forse il più lungo nel suo segmento, la Q5 non dovrebbe avere problemi a far viaggiare comodi i cinque passeggeri a bordo. I quali, come in tutte le Audi di ultima generazione, possono contare su una dotazione di accessori e di amenità varie, di categoria superiore. Oltre che a poter trasportare un bagaglio sostanzioso grazie a un vano che da 540 litri può espandersi fino a 1.560.

TRE SOLUZIONI I motori al momento del lancio saranno tre: uno a benzina e due diesel. Il benzina è il divertentissimo (da guidare) 2.0 TFSI con 211cv, 350 Nm da 1.500 a 4.200 giri che garantiscono un tempo di accelerazione di 7,2 sec nel 0-100 km/h, 222 km/h di velocità massima e percorrenze di 11,7 km/l. I due diesel sono invece il 2.0 TDI (170 cv, 350 Nm da 1.750 a 2.500 giri, 9,5" nel 0-100 km/h, 204 km/h, 19,9 km/l) e il V6 3.0 TDI da 240 cv (500 Nm da 1.500 a 3.000 giri, 6,5" nel 0-100 km/h, 225 km/h e 13 km/l).

SETTE E QUATTRO Per tutte le Q5 sarà di serie la trazione integrale quattro, mentre il 3.0 TDI e il 2.0 TFSI saranno accoppiati al nuovo cambio automatico a doppia frizione e sette marce S-tronic. Ricca anche la dotazione di sitemi elettronici di controllo della sicurezza e della stabilità, oltre che per l'intrattenimento, tali da portare la Q5 nell'Olimpo delle vetture di lusso. Arriverà dopo l'estate.


TAGS: audi q5 pechino 2008