Autore:
Luca cereda

MICRO-LIFTING In casa Audi è tempo di restyling anche per la famiglia A4. Un facelift di mezza carriera – sono infatti passati circa tre anni dal lancio dell’ultima generazione- arriva infatti a rinfrescare look della berlina e della station wagon, la A4 Avant, oltre ovviamente alle sorelle A4 Allroad e la sportiva S4. Gli interventi stilistici sono sottili e concentrati soprattutto nel frontale, ma anche gli interni, gli equipaggiamenti e la gamma motori hanno subito un aggiornamento. Vediamo nel dettaglio cosa cambia.

FACCIA PULITA Innanzitutto il muso delle Audi A4, sul quale i designer hanno lavorato in punta di matita smussando gli angoli della calandra, affiancati dai fari ondulati nella parte bassa e muniti di Led di nuova generazione. Anche le prese d’aria si sono assottigliate, soprattutto quella nella parte bassa del paraurti, all’insegna di un layout più semplice. I fendinebbia sono ora appiattiti. La griglia, nei modelli a 6 cilindri o in quelli arricchiti dal pacchetto estetico S line, è in nero lucido; il frontale della della Audi A4 Allroad si caratterizza per la griglia a listelli orizzontali cromati e fendinebbia rotondi.

CAMBIO-PELLE Poco o nulla cambia invece sul posteriore, fatta eccezione per una lieve nervatura sul paraurti. Nel complesso, dopo i ritocchi estetici, le misure della A4 crescono solo per questione di millimetri. Cresce un po’ anche la qualità degli interni: nuovi volanti, comandi del sistema di infotainment MMI plus e dell’impianto di climatizzazione semplificati e la mascherina del quadro strumenti in tinta con la carrozzeria. Ma la new entry più significativa sono i rivestimenti in pelle Nappa che, come sulla A5, vanno a sostituire quelli in Valcona.

QUI DIESEL La gamma motori dell’Audi A4 si compone in tutto di dieci motorizzazioni: sei sono diesel TDI, quattro dei benzina. La gamma a gasolio spazia dal 2.0 TDI da 120 cv fino al 3.0 V6 da 245 cv. I quattro cilindri TDI da 136, 163 e 177 cavalli hanno subito modifiche all’insegna del risparmio di carburante e di un rendimento più lineare ai bassi regimi; di questi il più parco è il 2.0 TDI da 136 cavalli, che dichiara consumi nell’ordine dei 4,2 litri di carburante ogni 100 km.

QUI (NUOVO) BENZINA Sul fronte benzina si passa invece dal 1.8 TFSI al 3.0 TFSI da 272 cv, senza dimenticare l’ipernerboruto 3.0 TFSI che equipaggia l’Audi S4. Di questi il 1.8 TFSI è un motore nuovo che, grazie ad alcuni accorgimenti, a detta di Audi riduce del 19% i consumi rispetto al precedente, raggiungendo valori paria a 5,6 litri ogni 100 km (secondo la scheda tecnica).  

SERVOSTERZO ELETTROMECCANICO Come trasmissioni da abbinare ci sono le solite opzioni: manuale, CVT, automatica e a doppia frizione. Le Audi A4 quattro hanno il cambio meccanico e, a partire dal 2.0 TDI da 177 cv in su, l’opzione del cambio STronic a 7 rapporti. Per quanto concerne la trazione integrale, tutte le A4 Allroad quattro ce l’hanno di serie mentre sulle Avant e berlina è disponibile a partire dalla motorizzazione 2.0 TDI da 143 cavalli. Tutte le Audi A4 ristilizzate hanno infine il servosterzo elettromeccanico di serie, che non assorbe potenza in rettilineo e fa la sua parte nel ridurre i consumi.