Autore:
Luca Cereda

LUOGHI SACRI Aston Martin Works, in quel di Newport Pagnell, nel Buckinghamshire, è molto più di un concessionario. E’ la dimora storica delle Aston Martin, vero e proprio punto di riferimento – e di pellegrinaggio – per i fan del marchio in tutto il mondo. E’ anche il posto dove certe Aston, quelle più storiche, vengono restaurate con una cura e un’attenzione impareggiabile, con l’amore di chi riabbraccia un pargolo tornato all’ovile. Per questo, e per molti altri motivi, i suoi sessant’anni non potevano passare in cavalleria senza un regalo di quelli giusti. Una limited edition, of course.

UNICA NEL SUO GENERE L’Aston Martin Works 60th Anniversary Vanquish non è una Vanquish come le altre. Si riconosce dalla livrea bianca spezzata da cerchi e dettagli “giallo anniversario”, oltre che dalle sellerie dedicate e a una plancia con finiture esclusive. Tra i materiali utilizzati, tutti di gran pregio, figura anche il metallo usato un tempo per i motori di alcune Aston ormai divenute d’epoca, qui impiegato per alcuni comandi della plancia. Un voluto richiamo al passato che convive con altre personalizzazioni d’ispirazione più moderna per attraversare tutte e sei le decadi di storia di Aston Martin Works. Nessuno spunto particolare è offerto invece dalla meccanica: l’Aston Martin Works 60th Anniversary Vanquish monta lo stesso V12 6.0 litri abbinato a un cambio a 8 marce della Vanquish che già conosciamo.


TAGS: