Autore:
Andrea Rapelli

NOZZE D'ORO La scusa? I 50 anni di collaborazione. Che cominciò con una DB4 e, oggi, culmina nella Aston Martin Vantage V12 Zagato. Il matrimonio tra l'atelier di design milanese e la Casa britannica sembra destinato a durare ancora per lungo tempo. Il segreto? Linee da mozzare il fiato e un'aura di fascino quasi mitica.

FINALMENTE CI SIAMO Dalla sua prima apparizione al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este (vincitrice della categoria Concept) la Aston Martin V12 Vantage Zagato ha già partecipato a due importanti competizioni sul famigerato Inferno Verde, il Nürburgring. Ora è giunto il momento della versione stradale, che farà ufficialmente il suo ingresso in società al prossimo Salone di Ginevra

TOCCO D'ARTISTA La mano di Zagato si vede sopratutto nella zona posteriore dove il lunotto declina dolcemente in una coda rastremata, impreziosita da due gruppi ottici rossi e tondi. Grande attenzione pure nei colori, con 4 tinte inedite: Scintilla Silver, Alloro Green, Alba Blue e Diavolo Red. La Aston Martin V12 Vantage Zagato soddisfa i veri gentlemen driver pure in abitacolo, con finiture racing in carbonio e sedili in pelle rifiniti a mano. E naturalmente nelle prestazioni, assicurate dallo stesso 6.0 V12 da 510 CV della Vantage V12.

SOGNO PER POCHI Vorreste mettervi la Aston Martin V12 Vantage Zagato in garage? Preparatevi a sborsare 330.000 sterline (circa 400.000 euro) in fretta e furia: la Casa di Gaydon ha comunicato di voler produrre non più di 150 esemplari. Le prime consegne sono previste in autunno.


TAGS: aston martin v12 zagato Tutte le novità del Salone di Ginevra 2012, l'elenco aggiornato