Autore:
Marco Rocca

BESPOKE Comincio dalla buona o da quella cattiva? Parto da quella buona. Tornerà l’erede della mitica Aston Martin Lagonda, la berlina di lusso nata nel 1976 dalla matita del designer William Towns. Il nuovo modello, che voci di corridoio vorrebbero negli show room già il prossimo anno, sarà realizzato a partire dal pianale modulare VH, avrà una carrozzeria realizzata in larga parte in fibra di carbonio e interni lussuosi ed estremamente personalizzabili come da tradizione Aston Martin. La nuova Lagonda sarà costruita rigorosamente a mano nell’impianto di Gaydon (nel Regno Unito), lo stesso per intenderci utilizzato per la realizzazione della mitica Aston Martin One-77. Qual è la brutta notizia? Beh che la nuova Lagonda, fanno sapere dall’Inghilterra, sarà un pezzo d'arte automobilistica e sarà venduta "solo su invito" ed esclusivamente per i mercati del Medio Oriente. Ne verranno realizzati solo 100 esemplari. Non sarà, insomma, un Aston Martin come tutte le altre ma sarà il meglio del meglio (del meglio) in termini di esclusività e prestigio andando a rompere le uova nel paniere alle conterranee Rolls e Bentley.

STRETTO RISERBO Dopo aver messo diffuso in rete le prime foto ufficiali, Aston Martin conserva però stretto riserbo sulle specifiche tecniche e sul prezzo della vettura. Anche se si parla con sempre maggiore insistenza di V12 6.0 litri da circa 600 cv, abbinato ad un cambio ad otto rapporti per uno 0-100 km/h da 4.2 secondi.


TAGS: aston martin lagonda 2015