Autore:
Paolo Sardi

SOTTO MENTITE SPOGLIE

Non c’è alcun dubbio che il travestimento sia di quelli ben fatti. Con passaruota, cerchi e alettoni oversize, prese d’aria spalancate e minigonne rasoterra la nuova 407 Coupé sfilerà al Carnevale di Ginevra vestita da sportivona ipervitaminizzata. Una kermesse alla quale si presenta pure sotto altro nome: 407 Silhouette.

GIU’ LA MASCHERA

Battute a parte, se non è improbabile ipotizzare per questa vettura un reale impiego agonistico nell’Euroturismo, appare ben più interessante capire cosa si cela dietro questa messinscena. Sotto quel vestito un po’ troppo provocante e quel trucco pesante non è infatti difficile immaginare le forme ben più eleganti della prossima sportiva di rango della Casa del Leone.

FATTA IN CASA

La linea appare filante ma senza eccessi. Il padiglione, in particolare, mostra un andamento non troppo spiovente. Ciò lascia ben sperare sul fronte dell’abitabilità posteriore, che dovrebbe essere quindi soddisfacente. Per il resto sembra che al Centro stile della Peugeot se la siano cavata benone anche senza il supporto di Pininfarina, disegnando una carrozzeria che trasmette un forte family feeling senza per questo risultare scontata.

ANCHE A GASOLIO

Se le forme si possono ormai intravvedere, qualche legittimo sospetto emerge anche a livello della gamma motori. Pare infatti abbastanza scontato che la 407 Coupé venga spinta dal V6 3.0 già montato dalla 607 e dalla 807, oltre che dal nuovo 2.7 turbodiesel studiato a quattro mani dai Gruppi PSA e Ford.

TAGS: anteprima: peugeot silhouette