Autore:
Gilberto Milano

Vai a dirglielo che consumano di più, inquinano di conseguenza, e che per portare il pargolo all’asilo è sufficiente una city-car: i SUV piacciono e, soprattutto, si vendono. Ma la guerra dei SUV non coinvolge solo ecologisti e suvisti: in armi sono anche le Case che li producono, le quali, visto l’interesse che stimola l’argomento, ne stanno sfornando a raffica.

Capita così che per evitare anche il minimo appannamento all’immagine di un modello in listino si ricorra ai ferri dello stilista quando la creatura è ancora in fasce. La ricetta è la solita: un ritocchino al viso, uno agli interni, uno alla meccanica e l’auto in questione torna come nuova.

L’ultimo in ordine di tempo a ricevere queste attenzioni è lo spigoloso (in senso estetico) SUV Nissan. Pochi, impercettibili cambiamenti alla carrozzeria e l’X-Trail riacquista eleganza e vivacità. L’intervento più "vistoso" è stato effettuato sulla mascherina, che perde le due barrette trasversali lasciando pulita la nuova griglia, una soluzione che si riflette positivamente sulla vista anteriore, ora più ordinata.

Lo stesso effetto lo fornisce il ritocco al paracolpi nero sotto la mascherina. Adesso la superficie è meno ampia e mette più in evidenza il bel disegno del paraurti, mentre gli indicatori di direzione fumé snelliscono la superficie dei due ampi fari anteriori, concedendo più presenza ai passaruota muscolosi.

Due barre portatutto sul tetto di dimensioni inusuali con incorporati due faretti aggiuntivi, aggiungono quel tocco di originalità che non guasta. Leggermente diversi anche i cerchi in lega, sempre a cinque razze, ma ora più schiacciate. Quasi invariato anche il posteriore, dove l’unica novità riguarda il paraurti, anch’esso più pulito, senza sovrapposizioni di paracolpi e catarifrangenti.

All’insegna del minimalismo anche gli interventi all’interno, con gli strumenti sempre in posizione centrale, sopra la consolle. Qui i ritocchi hanno interessato soprattutto la praticità d’uso della vettura, modificando la posizione dei portalattine climatizzati (per renderli più a portata di mano dei passeggeri e del pilota) e introducendo una funzione del volante che per facilitare l’accesso al sedile del pilota si alza fino a liberare completamente il posto guida.

Novità anche nel campo dei motori. E visto l’entusiasmo che regna nel campo dei diesel, anche la Nissan si adegua e introduce sulla X-Trail il 2.2 litri da 136 cavalli già disponibile su Almera, Tino e Primera. Andrà a sostituire l’attuale 112 cavalli, più rumoroso e meno brillante.

Per ora il X-Trail è in vendita solo in Giappone. Da noi dovrebbe arrivare al più tardi in autunno. Sembra anche con un leggero ritocco al prezzo. Vedremo.


TAGS: anteprima:nissan x-trail 2003