Autore:
Ronny Mengo

Il look – la firma è quella di Giorgetto Giugiaro - è moderno e non manca di personalità: sbalzi anteriori e posteriori molto ridotti, passo lungo (2,48m), frontale a "freccia" e altezza da terra lievemente superiore alla media. I 3,88 metri di lunghezza (per 1,6m di larghezza e 1,4m di altezza) ne fanno una delle piccole più grandi del mercato.

Il pannello scuro in materiale plastico che dominava il paraurti frontale e si ritrovava anche nel portellone posteriore è scomparso, lasciando il posto alla lamiera nella stessa tinta della carrozzeria,  e perdendo quel segno distintivo che aveva caratterizzato il prototipo.

I gruppi ottici squadrati della concept hanno lasciato posto a fari anteriori privi di angoli che toccano cofano, paraurti e fiancata con linee smussate. Gli indicatori di direzione sono disposti insolitamente sotto i fari stessi. Accennata la nervatura del cofano mentre la vista laterale è dominata dalla vistosa scalfatura che taglia le portiere, dal passaruota posteriore a gradino e dal terzo cristallo che chiude la superficie vetrata. La grande finestra del portellone manda luce all'interno dell'abitacolo e contribisce a rendere proporzionato il design della coda.

Il motore è il 1400 cc da 83 cavalli a 5600 giri, 123 Nm a 3000 giri, con distribuzione monoalbero e una velocità massima di 170 km/h. Ma non è detto che non arrivi qualcosa d’altro viste le motorizzazioni che legavano il prototipo: un 1.2 litri e un sedici valvole di 1600 cc bialbero. Il cambio è meccanico a cinque velocità.

Alta più o meno come Matiz e meno di Tacuma, Kalos offre notevole spazio in altezza a tutti passeggeri. Cruscotto, plancia, comandi e griglie della climatizzazione (per cui è previsto il condizionatore con filtro antipolline) sono caratterizzati da forme tondeggianti.

L’interno ospita un gran numero di vani portaoggetti

e una presa elettrica 12V in posizione centrale per alimentare apparecchi come notebook, TV portatili o giochi elettronici. Il divano posteriore è frazionabile nelle proporzioni 60:40 per la massima flessibilità nella ripartizione dello spazio.

ABS a quattro sensori di ultima generazione e ripartitore elettronico di frenata EBD,

garantiscono la sicurezza attiva, ben curata come quella passiva: airbag frontali e laterali, cinture di sicurezza a tre punti per tutti e cinque i posti e predisposizione per i seggiolini di sicurezza per i bambini.

TAGS: anteprima: daewoo kalos