Autore:
Paolo Sardi

PRONTI? VIA! Al Salone di Ginevra l’Alfa Romeo MiTo my 2011 non era certo la vedette dello stand del Biscione: il centro della scena e i riflettori erano infatti tutti per la concept 4C. Ora però viene il momento di fare i conti con il mercato ed ecco che la piccola tre porte torna al ruolo che più le compete, quello di portabandiera e best-seller della gamma. In questi giorni, tra l’altro, si apre la raccolta ordini, cui seguiranno a breve le prime consegne.

GOCCE D’ACQUA Da un punto di vista estetico è quasi impossibile riconoscere l’Alfa Romeo MiTo my 2011 dagli esemplari del 2010. A livello di carrozzeria, le novità che porta con sé il nuovo model year sono soprattutto di tipo cromatico. Nella tavolozza arriva una nuova tinta metallescente chiamata Bronzo Metal (è quella ritratta nella gallery) con sfumature sul rosso, che porta a 11 i colori ordinabili. Per l’abitacolo invece, le primizie sono un interno bicolore, con una nuova finitura per l’inserto della plancia e dei pannelli delle porte, e un inedito tessuto tecnico a “effetto seta” per i sedili.

IMBARAZZO DELLA SCELTA Con queste aggiunte l’Alfa Romeo MiTo my 2011 offre possibilità di personalizzazione ancora più ampie che in passato. La gamma è estremamente articolata ed è forse meglio prendere fiato prima di buttarsi nella lettura. I motori disponibili sono sei, tutti in regola con le norme Euro 5 e dotati di serie di Start&Stop: due sono a gasolio (1.3 JTDM-2 da 95 cv e 1.6 JTDM-2 da 120 cv) e quattro a benzina (1.4 da 78 cv, 1.4 MultiAir aspirato da 105 cv, 1.4 MultiAir TurboBenzina da 135 cv – eventualmente anche abbinato al cambio robotizzato TCT - e 170 cv). Quattro sono invece gli allestimenti (Progression, Distinctive - con e senza pacchetto Sport -, "Super" e Quadrifoglio Verde), mentre per i sedili si può scegliere tra tre tessuti e un rivestimento in “Pelle Frau”. Le Mito Progression possono avere l’ambiente interno in tre diversi colori (plancia Sprint), mentre per le Distinctive le alternative sono due (plancia Competizione). Completano il quadro sette diversi cerchi in lega nelle misure da 16, 17 e 18” e finiture per le cornici dei fari cromate, satinate, lucide o opache, in grigio titanio o in tinta carrozzeria.

HIGH TECH Sotto il profilo tecnico, l’Alfa Romeo MiTo my 2011 vede debuttare nella lista degli optional nuovi ammortizzatori a risposta variabile con valvola di by-pass che promettono un buon equilibrio tra le esigenze di comfort e di guidabilità. In ambito Infotainment, spuntano nuove prese Usb e Aux per collegare il proprio lettore Mp3 al sistema Blue&Me. Quest’ultimo può essere integrato anche con un navigatore portatile TomTom dotato di touchscreen da 4,3 pollici e del sistema IQ route, che calcola il percorso migliore in base al giorno e all’ora di percorrenza, utilizzando una banca di dati sul traffico. I prezzi della gamma MiTo 2011 partono dai 15.500 della Progression 1.4 78 cv e raggiungono i 22.550 euro della 1.6 JTDM-2 120 cv in versione top Distinctive con Sport Pack.


TAGS: multiair salone di ginevra salone di ginevra 2011 alfa romeo mito my 2011 iq route blue&me progression distinctive quadrifoglio verde