(Q)UANTO (V)A Alla nuova Alfa Romeo Giulia spetta il compito di riportare in auge il dna sportivo del Biscione, e per questo l’aerodinamica è finita più che mai sotto la lente dei progettisti. La Giulia Quadrifoglio Verde, in particolare, alla luce della sua connotazione estrema (motore 6 cilindri biturbo da 510 cv, 0-100 in 3,9 secondi) porta in dote non solo generose prese d’aria, ma anche una serie di appendici in fibra di carbonio che fanno la loro parte nel raggiungimento di un rapporto peso/potenza ragguardevole: meno di 3 kg/cv.

DEPORTANZA Gli innesti in carbonio dell’Alfa Romeo Giulia QV arrivano addirittura all’albero di trasmissione, ma un posto da protagonista se lo ritaglia lo spoiler anteriore, che è mobile. Battezzato da Alfa Romeo Active Aero Splitter, si tratta di uno spoiler integrato nel paraurti anteriore capace di abbassarsi automaticamente per aumentare la deportanza della Giulia. Per vederlo in azione, cliccate sopra sul nuovo video della Giulia diffuso dalla Casa.