Autore:
Marco Rocca

COMPITI DIFFICILI E’ stata presentata al Salone di Francoforte dell’anno scorso con il preciso compito di rimpiazzare la Yeti in listino. Ora, da pochissimo, è arrivata in concessionaria ed è la risposta della Casa Ceca ad una concorrenza sempre più spietata nel segmento delle Suv compatte. Insomma due compiti tutt’altro che semplici, non credete?
Per questo motivo la protagonista di questa puntata de “le Vostre domande” è la nuova Skoda Karoq.

COME E' LA QUALITA'? La prima domande che ci fate è: com’è la qualità? Buona, tedesca maniera. L'interno è curato, con materiali di qualità assemblati con buona precisione. Solo la parte bassa dei pannelli porta e il rivestimento interno della vaschetta portaoggetti tra i sedili sono fatti di plastica un po' meno consistente, ma comunque dall'aria solida.

CI STA IN GARAGE? Le dimensioni della Karoq non spaventano e anzi sono tra le più compatte della sua categoria. Con una lunghezza 4 metri e  38 cm è più corta di 7 cm rispetto alla Peugeot 3008 (sua acerrima rivale). La larghezza di 1 metro e 84 cm e l'altezza di 1 metro e 62 cm non spaventano in manovra grazie alla telecamera posteriore ad alta risoluzione. Il passo di 2 metri e  63 cm regala spazio agli occupanti.

IL BAGAGLIAIO E' SUFFICIENTE PER UNA FAMIGLIA DI 4 PERSONE? Una delle qualità della Karoq è sicuramente lo spazio, per i bagagli in primis. Da 521 a 1630 litri reclinando i sedili posteriori. Ma la Karoq va oltre. Si chiama Varioflex ed è il sistema intelligente che permette di adeguare il bagliaio alle proprie esigenze, avanzando o arretrare il divanetto posteriore, reclinando i sedili (40:20:40), o addirittura ripiegarndoli per ampliare il vano di carico e, eventualmente, rimuoverli del tutto. In questo modo si libera spazio fino a 1.800 litri di spazio di carico. Ma è un optional da 400 Euro di serie solo sulla ricca Style. 

CHE MOTORI CONSIGLIATE? Anzitutto è bene sottolineare che la Skoda Karoq monta solo motori turbo, che li scegliate a benzina o diesel. Se amate la verde ci sono il tre cilindri 1.0 da 115 CV e il 1.5 con 150. Fronte gasolio, invece, il 1.6 da 115 cavalli e il 2.0 con 150 (per il momento, l’unico abbinato alla trazione integrale). Non fatevi spaventare dai soli 115 cavalli e dal fatto che sia un 3 cilindri, perché questo motore a benzina ha tanto brio anche in salita con consumi nel ciclo misto inferiori a 7 litri/100 km. E lato diesel? Il compromesso ideale per me è il 1.6 da 115 cv con cambio automatico DSG. A giugno, poi, arriverà anche il 2 litri più potente da 190 cavalli, anch'esso con la trazione integrale e il DSG.

DIPSPONIBILE LA TRAZIONE INTEGRALE? Si, ma per ora solo in combinazione al diesel da 2.0 litri da 150 cv. Se amate la montagna è la scelta giusta, altrimenti conviene scegliere la trazione anteriore anche per consumare meno. 

POSSO FARCI DEL FUORISTRADA? Dipende dal fuoristrada, rispondo io. Se pensate pozze fangose alte 40 cm meglio lasciar perdere. Sotto  pelle c'è la frizione a lamelle a comando elettronico Haldex, dotazione già in uso sui cugini del gruppo VW che utilizza tutta una serie di sensori per ripartire la coppia, privilegiare la ruota in trazione e bloccare quella che slitta. Ciò detto: neve ghiacio, fuoristrada leggero sono alla portata. Ma ci vogliono anche le gomme adeguate.  

CHE VERSIONE CONSIGLIATE? La versione Executive è quella più equilibrata. Ha di serie fari Full LED adattivi, fendinebbia con cornering, infotainment in versione Amundsen, lavafari, Bluetooth con WLAN, e vernice metallizzata. Più su c'è la Style che aggiunge 1.300 Euro al listino ma che include interni in pelle e tessuto, il VarioFlex, illuminazione ambientale, cerchi in lega da 18", keyless, vetri oscurati e retrocamera.​

CHE ACCESSORI CONSIGLIATE? Sicuramente il Travel Assistant Pack che per 950 Euro include il sistema di monitoraggio e mantenimento della corsia, controllo angoli ciechi e traffico in retromarcia, cruise control adattivo (fino a 160 km/h, con frenata d'emergenza) e controllo automatico degli abbaglianti. Con il DSG si aggiunge anche il Traffic Jam Assist per la guida autonoma in coda. Comodo anche il parabrezza riscaldabile per 205 Euro. Per 90 Euro c’è lo schermo centrale a colori.

LA STRUMENTAZIONE DIGITALE E' DI SERIE? No, da maggio arriverà anche la possibilità di avere la strumentazione digitale che sostituisce il tachimetro tradizionale con display a colori centrale.


TAGS: skoda auto test car suv 4x4 new crossover drive tsi review cars le vostre domande skoda karoq suv skoda skoda karoq prova skoda karoq test interior karoq skoda karoq review skoda karoq 2018 skoda karoq 2017 skoda suv skoda karoq test drive 2018 skoda karoq 2017 skoda karoq review skoda karoq 1.5 tsi review skoda karoq offroad prueba skoda karoq skoda karoq ita new skoda karoq skoda karoq 1.5 tsi skoda karoq kaufen 2017 skoda karoq karoq review karoq test